Lettori fissi

martedì 1 agosto 2017

Recensione: La strategia dell'imperfezione di Antonio Cetrano





Titolo: La strategia dell'imperfezione
Autore: Antonio Cetrano
Editore: Antonio Cetrano
Pagine : 214
Data pubblicazione: 17 Gennaio 2017
Genere: Giallo/ thriller





E’ un omaggio al “mondo informatico” dei nostri tempi: una nuova dimensione che anno per anno, sta prendendo il sopravvento su quella “reale e concreta”.

L’autore, Antonio Cetrano, a mio parere mette in guardia i suoi lettori: li esorta a non considerare semplicemente la tecnologia come mezzo unico e indispensabile del nostro sapere, come lo strumento che ha permesso di migliorare la nostra esistenza.

Non è soltanto il mezzo che ha permesso “relazioni intercontinentali”, non è soltanto il motore di ricerca più veloce che ci sia per renderci detentori di nuovo sapere; ma e’ quella piattaforma, a tratti difficile da gestire, per la quantità di informazioni che contiene, soprattutto per chi non è abituato a discernere fra il bene e il male, per chi non comprende che  un semplice “click”, potrebbe modificare la realta’ e le speranze di molti.

      
Situazione amplificata se le piattaforme cui ci riferiamo sono quelle di Grandi Aziende Internazionali, dai cui “click” dipende spesso il futuro delle Nazioni.

E’ questa l’atmosfera intrigante e incessante in cui Antonio Cetrano ambienta la sua storia: gli interessi della Grande Societa’ “Secure Technic di Zurigo”, detentrice del System Privacy, il software di criptaggio delle comunicazioni.

 In realta’ le societa’ acquirenti erano oggetto di  una truffa:  la Societa’ di Zurigo deteneva le password per bypassare i sistemi di sicurezza imposti dal System Privacy, venendo dunque a conoscenza di tutte le informazioni segrete che tra i membri delle societa’ informatiche venivano scambiate.

A scoprire la truffa è uno dei membri e collaboratori della stessa Secure Technic di Zurigo, Werner, poi trovato assassinato nella sua abitazione. Dalla sua morte ha inizio il racconto attanagliante e pieno di suspense, che porta all’entrata in scena di Roberto Follegot, giovane hacker che sta scontando la sua pena in lavori socialmente utili.

Risultati immagini per immagini sistemi informatici         

La figura di Roberto è quella, a mio parere, più interessante in tutto il libro: la sua personalità è sfuggente, vuol lasciar perdere questa situazione intrigata che gli si presenta tra le mani, vuol lasciar perdere e chiudere definitivamente con la sua vita “da hacker”, ma non può sottrarsi al suo destino.

Roberto è la personalità intraprendente, decisa e determinata che investe tutto se stesso nella causa in cui crede. Roberto sa che le sue capacità informatiche sono smisurate, e che deve assolutamente smascherare la societa’ di Zurigo.

Allora utilizzerà la “La strategia dell’Imperfezione”: da un lato, l’autore, mette in scena le sue doti da pirata informatico, dall’altro fara’ in modo che il nome di Roberto sia lampante sui monitor degli informatici che possano ancora salvarlo.

E’ una corsa contro il tempo, descritta con uno stile serrante e ricco di suspense: ruotera’ tutto intorno quei documenti, nei quali sono racchiusi i segreti e i malaffari della Societa’ di Zurigo, momentaneamente in mano a Roberto, che continua a fuggire da tutto e da tutti, in quanto  non conosce e non conoscerà fino alla fine chi siano i suoi inseguitori.
Riuscira’ a mettersi in salvo, o consegnera’ nel braccio della morte molti  di quelli entrati in contatto con lui, prima di tagliare la linea del traguardo?

    Risultati immagini per immagini corsa contro il tempo    

L’unica critica che mi sento di fare, è il finale troppo sbrigativo, troppo conclusivo dopo una suspense durata per quasi tutta la lettura. Un finale "non finale" a mio parere, come se ci dovesse essere un "poi", un "dopo". Un finale inaspettato.

Di contro, la cosa sorprendente di questo libro è la capacità dell’autore di sovrapporre scene avventurose che rendono ansioso il lettore e che lo portano a scorrere velocemente le pagine della storia, tipico dei thriller, a pagine ricche di riflessioni del protagonista, che come Cetrano lo ha definito "padroneggia la maieutica di Socrate".

Inoltre, parlando con l'autore è come se avessi continuato la lettura del romanzo; misterioso nelle sue risposte e da bravo autore ( come ha dimostrato d'essere), ha evaso le mie domande : il romanzo si basa su una storia vera o fittizia? E se ciò fosse, quanto c'è di vero e quanto di sua invenzione?
Ciò che c'è di vero è la sensazione che ha lasciato in me e che spero io vi abbia trasmesso tramite la mia recensione.

Risultati immagini per immagini mistero computer

Un libro che consiglio vivamente a tutti: sia che siate oppure no (come me) informati sulla tecnologia ed il mondo informatico.

 Sicuramente, appena chiuso questo libro, uscirete dalla vita di Roberto più preparati sull’argomento, e con un nuovo sguardo da porre in direzione della  tecnologia ma ne uscirete anche più ricchi a livello umano.

Buona lettura!!!

Recensione scritta da Valentina

 

 

 

  

 

 

 




Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Novità DeA Planeta e De Agostini

  Novità DeA Planeta  e De Agostini I sognatori di  Karen Thompson WALKER Silenzio, come quando nevica. Una pace gelida, tota...