Lettori fissi

sabato 24 febbraio 2018

Prossimamente in libreria "Un battito per noi" di Layla Tales

 
 
SCHEDA TECNICA
 
Titolo: Un battito per noi
Autrice: Layla Tales
Serie: Al ritmi del cuore #3
Genere: Romance
Casa editrice : self
Formato : Ebook
 
On-line dal 26 febbraio
«Chiedimi di salire da te. Chiedimelo Silvia».
«Non pensavo tenente che sapesse implorare».
Ha ragione, uno come me non ne ha bisogno. Ho sempre preso quello che volevo perché mi viene offerto su un piatto d'argento. Ma stranamente il mio ego non si sente infastidito dal suo possibile rifiuto, anzi tutto questo mi eccita, la sua sfida mi spinge a cercare di più. Cosa sia questo “più” non lo so ancora, ma se dovesse aiutarmi a cancellare la nottata e i miei incubi, le direi che ho bisogno di lei in tutte le lingue del mondo.
«Dipende dalla situazione. E con te, ne vale la pena».
Due eroi feriti e inconsapevoli. Due anime che si cercano in una storia che sa di amore, passione, paura, coraggio e di splendide seconde possibilità.
 
 
LA SERIE COMPLETA
 
 
- La direzione di un battito ( 7 Giugno 2017)

 

 
- Il tempo di un battito ( 25 Settembre 2017) - recensione nel blog
 

 
- Un battito per noi ( prossimamente in libreria e recensione work in progress)
 

Recensione : Un'anima da sfamare di Annabella Michaels

 
SCHEDA TECNICA

 
Titolo: Un' anima da sfamareù
Autore: Annabella Michaels
Editore: Quixote Edizioni
Pagine: 297
Pubblicazione: 8 Febbraio 2018
Formato: Kindle
 
Valutazione

"E proprio quando pensi di aver perso tutte le speranze arriva la persona che ti cambia la vita".

Giovanni Romero è un giovane italo spagnolo che apre e gestisce il ristorante dei suoi sogni a Chicago, tre anni dopo aver scoperto il tradimento e il conseguente abbandono della moglie.
Una moglie per la quale era stato disposto a mettere da parte il suo sogno di una vita e studiare giurisprudenza anche se non fosse  la sua strada.
"Mentre ancora sognavo di aprire il mio ristorante, Juliana mi pregò di prendere la laurea in legge. Sapevo che desiderava il denaro e il prestigio che avrebbe avuto se fosse stata sposata con un avvocato e, dopo un’infanzia difficile, credeva che quelle cose l’avrebbero finalmente fatta sentire al sicuro. Alcune persone la consideravano raffinata perché vestiva come un membro della famiglia Kardashian e voleva sempre il meglio dalla vita, tuttavia queste persone non sapevano quanto fosse stata dura per lei. Dopo che mi aveva confidato tutti i disagi che aveva vissuto da bambina, darle tutto ciò che le era mancato era diventata la missione nella mia vita".
Nonostante si sia unito in matrimonio, Giovanni ha sempre avuto un’anima tormentata a causa della sua bisessualità; ma dopo l’abbandono della moglie, ed avendone subito l'umiliazione, scioccato dall’esperienza, decide di dedicarsi esclusivamente ai rapporti con gli uomini cercando però solo fugaci avventure e stando bene attento a non lasciarsi coinvolgere troppo a livello sentimentale.
 "Nonostante trovassi le donne ancora attraenti, ero sempre stato più incline ai maschi e dopo il divorzio avevo deciso di divertirmi solo con uomini. Avevo deciso di non avere più relazioni, dopo il mio disastroso matrimonio con Juliana, promettendo a me stesso che non avrei mai più esposto il mio cuore a quel tipo di dolore".
In un locale che frequentava, alla continua ricerca di avventure strettamente  sessuali, conosce Caleb e passa con lui una notte travolgente, come non accadeva da tempo.
Si rende conto del trasporto e della passione troppo coinvolgente, così decide di non rivederlo più, di allontanarsi da lui, come arma di difesa. La paura di essere travolto da quella forte attrazione che lo scombussola, lo fa fuggire.
Ma il destino troppo spesso gioca con noi esseri umani in maniera sporca , ed ironia della sorte, Giovanni voleva evitare Caleb? E invece no...ecco Caleb assunto nel suo ristorante  come capo chef.  E i giochi si riaprono. Ma Giovanni  riuscirà a starne lontano? La mente sarà più forte del cuore e della passione?
Chissà cosa accadrà tra i due... lo scoprirete solo leggendo il romanzo. Fatevi travolgere anche voi dalla passione e dalla forte attrazione che spinge come una calamita a se, Giovanni e Caleb. Vi assicuro che sarà un'avventura eccezionale.
Avventura che potrebbe restare tale o traghettarli nella direzione del "vivere felici e contenti". E se poi il passato di Giovanni ritornasse  nella sua vita, cosa accadrà? Ci sarà un futuro per i due ragazzi? Ci sarà pace per l’anima da sempre tormentata di Giovanni?
Un libro molto particolare da leggere soprattutto per la delicata tematica che affronta; scritto in maniera semplice e diretta, condito anche da scene leggermente “hot” che lasciano poco all’immaginazione!
Libro che trasuda passione, amore, tradimento, attrazione in un mix di emozioni e di trasporto emotivo.
E’ la prima volta che mi accingo a leggere una storia omosessuale, ma devo dire che mi ha colpito molto la delicatezza con cui l’autrice affronta l’argomento. Sarebbe bello che ogni coppia omosessuale possa trovare accanto a se una famiglia che stia dalla loro parte, amici che non  puntino il dito contro. Spero che un giorno questa utopia diventi realtà. Ancora oggi l'omosessualità viene considerata una malattia o un reato a causa di forti pregiudizi e barriere mentali.
Penso che l'amore non abbia una forma definita o un sesso prestabilito; ciascun individuo  ha il diritto di vivere liberamente il proprio amore e il proprio  rapporto al pari di tutti gli altri.  Spero che il romanzo di Annabella riesca nel miracolo.
Consigliato ai lettori dai 18 anni in su, non per pregiudizio ma perchè penso che serva maturità per non giudicare.
Leggendo il libro il lettore approfondirà  la tematica con la giusta sensibilità e attenzione che essa necessita e sarà pervaso da un'ondata  di romanticismo  al di là delle  classiche storie d’amore.

Recensione scritta da Sara Mastrantoni


Per il link info cliccare sulla foto

venerdì 23 febbraio 2018

Consiglio lettura: 7 Mesi di Elena Carletti


SCHEDA TECNICA

 
Titolo: 7 mesi
Autore : Elena Carletti
Genere: commedia romantica
Pagine: 180
Editore: Independently published
Tecnica di narrazione: prima persona
Pubblicazione : 12 Dicembre 2017
Prezzo: ebook 0,99 ; cartaceo 6,99
Elisabetta è una trentenne pigra, spendacciona e non le importa niente di nessuno. Ama le scarpe con il tacco, il caffè, la birra e, più di tutti, mortificare le persone. Quando riceve la partecipazione di nozze di una sua ex compagna di scuola va nel panico. Come può presentarsi senza lavoro e senza un accompagnatore? Si prefigge tre obiettivi: dimagrire, trovare lavoro e un fidanzato.
Nei 7 mesi che la separano dal matrimonio farà di tutto per raggiungere il suo scopo e, grazie all’aiuto di Roberto, riuscirà a trovare lavoro da un commercialista. Lavoro che si complica quando la donna propone un progetto di risanamento per una ditta che sta fallendo, coinvolgendo l’amico e Ivana: la collega apprendista piena di buone intenzioni.
Elisabetta ultra – determinata per i suoi loschi scopi, inappropriata nel ruolo di benefattrice, narcisista e sboccata riuscirà a capire che nella vita contano anche i sentimenti? Sono sufficienti 7 mesi per cambiare una persona?
 
A mano a mano ti accorgi che il vento
Ti soffia sul viso e ti ruba un sorriso
La bella stagione che sta per finire
Ti soffia sul cuore e ti ruba l'amore

A mano a mano si scioglie nel pianto
Quel dolce ricordo sbiadito dal tempo
Di quando vivevi con me in una stanza
Non c'erano soldi ma tanta speranza
E a mano a mano mi perdi e ti perdo
E quello che è stato mi sembra più assurdo
Di quando la notte eri sempre più vera
E non come adesso nei sabato sera....
Ma...dammi la mano e torna vicino
Può nascere un fiore nel nostro giardino
Che neanche l'inverno potrà mai gelare
Può crescere un fiore da questo mio amore per te
E a mano a mano vedrai che nel tempo
Lì sopra il suo viso lo stesso sorriso
Che il vento crudele ti aveva rubato
Che torna fedele
L'amore è tornato ....
Ma...dammi la mano e torna vicino
Può nascere un fiore nel nostro giardino
Che neanche l'inverno potrà mai gelare
Può crescere un fiore da questo mio amore per te
 
 

 

 

Due chiacchiere con l'Autore

A me piace molto conoscere l'autore/trice del libro che leggo. Meglio se lo conosco dopo. Difficilmente leggo prima la biografia in 4^ di copertina perché durante la lettura provo ad immaginarlo/a: giovane, adulto, anziano, piacevole, saccente, se la tira... erudito, immagino il suo studio, le sue ricerche.
Se il libro mi piace, cerco a tutti i costi di conoscerlo personalmente, andare alle presentazioni dei suoi libri, parlarci e, possibilmente, come in questo caso, farci due chiacchiere.
Non tutti sono disponibili, anzi alcuni tendono a chiudersi ma in questo caso ho trovato Dino Cassone simpaticamente aperto e alla mano.
Ecco, allora, condivido con i nostri lettori la chiacchierata con Dino dopo aver letto d'un fiato il suo libro "La bugiarda":

Al di là della biografia e delle informazioni su wikipedia, chi è Dino Cassone?
Sono un lettore compulsivo. Amo la lettura e il libro come oggetto. I minuti meglio spesi del mio tempo sono tra gli scaffali delle librerie. Sono approdato alla scrittura in maniera quasi naturale: scrivevo pensierini sui quaderni all’età di cinque anni.  

La storia di Luisa si sviluppa nel periodo della seconda guerra mondiale quindi alcuni comportamenti dei personaggi sono tipici dell’epoca. Mi riferisco alla sudditanza della donna, alla preoccupazione di cosa dice la gente del paese, ecc. Lei pensa che una storia simile possa svilupparsi anche oggi?
Purtroppo sì. Spesso si leggono e si ascoltano storie terribili e assurde di violenza e di femminicidio. E la cosa che maggiormente mi colpisce è quanto le vittime tendano a giustificare i propri carnefici, a cadere, ogni volta, nella trappola del finto amore che viene paventato loro. Senza tener conto che esistono, purtroppo, luoghi ancora arretrati dove la donna è ancora considerata un oggetto da possedere. 

Quanto da lei conosciuto c’è nella storia e quanto di puramente inventato?
La storia che racconto è in gran parte vera. Si basa su lettere e documenti reali. Naturalmente ho dovuto costruire e riempire i vuoti temporali e dello sviluppo della storia che mi mancavano.   
  
Come nasce una trama? E questa in particolare. come è nata?
Una trama può nascere da una frase che ascolto o che leggo, oppure da una situazione casuale in cui mi trovo. Spesso da storie accadute realmente che mi piace romanzare. Questa è nata dalla scoperta fortuita di alcune lettere e documenti, assieme ad alcune vecchie foto, appartenuti alla vera Luisa (nome inventato per ovvi motivi) e ritrovati in un piccolo baule.

Quando ha iniziato a scrivere “La bugiarda” conosceva già la fine?
In realtà il mio romanzo comincia nel 1962, proprio dalla fine, per poi chiudersi in un ideale cerchio nuovamente nel 1962. Quindi sì, sapevo già come doveva terminare. Quello che è mutato nel tempo (ci sono voluti 5 anni per scriverlo e riscriverlo svariate volte), è stato il percorso personale della protagonista che la porterà alla decisione finale.

Avrà letto nella mia recensione che forse Luisa avrebbe preferito un’altra fine della propria storia tormentata e che questo è colpa (o merito) dell’Autore. Secondo lei è colpa o merito?
Né colpa né merito. Il finale è ancora aperto a mio avviso, e saranno i lettori a immaginare quale possa essere il possibile seguito.

Le assicuro che ho letto “La bugiarda” con tanto piacere e senza stancarmi assolutamente e rinnovo l’invito a tutti di leggerlo, ma ora che ci conosciamo meglio io, lei e i nostri lettori, si faccia lei una domanda che a noi non viene in mente.
Domanda: È più bello scrivere o leggere? Risposta: leggere. Lo possono fare in tanti. Scrivere lo sanno fare in pochi. Molti, come il sottoscritto, ci provano umilmente.

Grazie, Dino ma, attenzione, se un lettore volesse intervenire e fare una domanda all'Autore, la contatterò di nuovo. Sono sicuro che ci risponderà ancora.
Grazie, lettori ma, attenzione, se qualcuno di voi vuole fare una domanda a Dino Cassone la faccia, senza problemi. 

Valter

Oggi 23 Febbraio in libreria

NOVITA' IN LIBRERIA




Giochi insolenti di Emma M.Green ( Letteratura erotica)


Dopo sette anni di separazione, il destino riunisce Liv Sawyer e Tristan Quinn. Per onorare le ultime volontà di Craig, il padre di Liv, devono vivere 365 giorni sotto lo stesso tetto. La passione rinasce, i cuori si aprono di nuovo, e più niente potrebbe impedire la loro passione!
Ma il fantasma di Harry, il fratello minore misteriosamente scomparso anni prima, aleggia ancora su di loro.
E il destino non ha ancora detto l’ultima parola… Scoprite in questa storia integrale la penna sensuale di Emma Green



La mossa del principe di C.S. Pacat ( Fantasy)

Con i loro due paesi sull'orlo di una guerra, Damen e il suo nuovo padrone, Laurent, dovranno lasciarsi alle spalle gli intrighi del palazzo e concentrarsi sulle più ampie forze del campo di battaglia mentre viaggiano verso il confine per scongiurare un complotto fatale.
Costretto a nascondere la sua identità, Damen si sente sempre più attratto dal pericoloso e carismatico Laurent, ma via via che la fiducia nascente tra i due uomini si approfondisce, le scomode verità del passato minacciano di infliggere il colpo mortale al delicato legame che ha cominciato a unirli…



Donne di Patrizia Emilitri
 ( Narrativa contemporanea)

Il mondo delle donne è un labirinto e ogni angolo riserva una sorpresa. Ma la vera sorpresa è la donna stessa che di quel labirinto conosce tutte le vie d’uscita.
C’è Anna, che deve ricominciare a vivere.
Beatrice e l’amore malato.
Caterina e un marito da amare.
Daniela si è persa.
Helga è immersa nelle bugie.
Ottavia è usata da un uomo, mentre Pamela con gli uomini ci gioca.
E poi Germana, Queen, Rossella, Silvia, Zara…
Queste sono le loro storie e ogni donna che le leggerà, potrà aggiungere la sua.
Come dice Adele Patrini, presidente di C.A.O.S
le donne sono energia, creatività e passione.
Energia, per i mille ruoli da ricoprire.
Creatività, per inventarsi di nuovo, ogni volta che la vita le blocca.
Passione, che a volte le accende e a a volte le brucia.
Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto all’associazione
C.A.O.S. – Centro Ascolto Operate al Seno




giovedì 22 febbraio 2018

Recensione: Matrimonio siriano di Laura Tangherlini

 
SCHEDA TECNICA


Titolo: Matrimonio siriano
Autore: Laura Tangherlini
Editore: Infinito
Collana: Orienti
Pubblicazione: 28 Agosto 2017
Formato: Kindle
Genere: Saggi / Giornalismo
 
Valutazione
 
 
Quante di noi avrebbero scelto la Siria per trascorrere il  viaggio di nozze? Quante di noi avrebbero devoluto i regali di matrimonio agli orfanotrofi dei profughi siriani? Laura ha fatto tutto ciò e ce lo racconta nel suo libro “ Matrimonio siriano”. Un libro intrecciato di attualità e umanità. Un libro che racconta l’amore per la Siria e il suo popolo, martoriato dalla guerra civile, costretto a fuggire per salvare la propria vita.
In questo libro Laura racconta attraverso interviste e testimonianze, il dramma di un popolo e della sua terra, non tanto in termini giornalistici ( a cui si relega solo la parte dell’intervista), ma sul piano umano e morale. Ogni intervista, una testimonianza, un pezzo di vita, visto e raccontato sia dal punto di vista dei bambini che degli adulti. Punti di vista diametralmente opposti ma uniti da un unico desiderio: ritornare nella propria terra e nella propria casa.
Gli chiedo cosa vorrebbe vedere se i suoi occhi funzionassero bene: - Vorrei rivedere il mio quartiere…dopo quattro anni quasi non me lo ricordo più…e vedere cosa sia rimasto della nostra casa…-“
Ogni testimonianza, un’ emozione per il lettore. Hani 10 anni, Judiye 11 anni, Ahmed 13 anni, potrebbero essere nostri figli, nostri fratelli, nostri cugini, ma non vivono come i nostri figli, perché hanno la colpa di essere nati siriani.
“- Immagino di trovarmi in Siria, ma non ci sarà più nessuno e camminerò per le strade vuote, perché saranno tutti morti-. La sua rassegnazione è agghiacciante”.
Matrimonio siriano” è dal mio punto di vista, “un diario di viaggio” ; è come se Laura avesse raccolto le sue riflessioni in un diario e lo abbia affidato a noi lettori, affinchè le sue riflessioni diventino le nostre e ci aiutino a considerare l’immigrazione come una sconfitta dell’uomo e di tutte le nazioni.
Molto belle le immagini del matrimonio,  la gioia dei bambini , la loro allegria, le loro voci. Momenti magici che hanno trascinato i bambini in un oasi di pace e spensieratezza seppur momentanea.
“La musica trionfale sta già andando[…] i bambini, vestiti a festa, alzano i loro palloncini colorati e, disposti ordinatamente su due file, aspettano il passaggio degli sposi[…] attraversiamo quel festoso corridoio umano, veniamo attaccati con bombole spray che lanciano nell’aria una polvere bianca[…] le bimbe urlano[…] ecco cominciare il nostro piccolo grande matrimonio alla siriana, tra i siriani, per i siriani”.

bambini dovrebbero sempre ridere, giocare, cantare, gioire e non essere vittime degli interessi economici ed egoistici degli adulti.
“ Ora la consegna dei giochi […] cominciamo con i palloncini […] è bello vedere quelle manine protese verso di noi e sapere che non le lasceremo richiudere vuote […] anche in questo caso questi piccoli siriani hanno lezioni da dare ai grandi. Non si accalcano in modo scomposto nel tentativo di prendere tutto ognun per sé[…]”.

Un libro scritto per sensibilizzare tutti noi e guardare la realtà che ci circonda seppur lontana geograficamente dal nostro sguardo; bisogna aprire gli occhi e guardare al di là; aprire la mente sull’importanza dell’adozione a distanza che potrebbe alleviare i disagi e i problemi dei bambini profughi, privati di ogni loro diritto civile e umano.
Molto bella l’idea di Laura, di introdurre ogni capitolo con una poesia di Nizar Qabbani, il poeta siriano, testimone del dramma del suo popolo; ne riporto la poesia con cui apre il capitolo cinque:

“Saluti…
Saluti…a una casa che ci ha insegnato l’amore
E la misericordia,
un saluto ai tuoi fiori bianchi…la gioia di piazza
al Najma.
Saluti al mio letto
ai miei libri, ai ragazzini del nostro quartieri,
e a tutti quei muri che abbiamo riempito
con i nostri scarabocchi”.
Libro consigliato a tutti sia per la sua bellezza sia perchè Laura Tangherlini intende destinare tutti i suoi diritti di autore ad ulteriori progetti di sostegno per i siriani, coinvolgendo varie ong, in primis Terre des Hommes.La colonna sonora del reportage (quattro canzoni inedite) è stata curata da Laura Tangherlini e dal marito Marco Rò, che essendo un cantautore ha composto tutte le musiche  e scritto i testi (due dei quali scritti a quattro mani con la moglie giornalista) delle canzoni. I brani del reportage sono cantati dallo stesso Marco Rò e (per due brani) dalla moglie giornalista.

Buona lettura e buon ascolto a tutti!!!
 
 


 

Recensione Frammenti di DelWriters, edito Delrai Edizioni, Amazon

Recensione Frammenti di DelWriters edito Delrai Edizioni Amazon Scheda tecnica Titolo : Frammenti Autor...