Lettori fissi

giovedì 22 febbraio 2018

Recensione: Matrimonio siriano di Laura Tangherlini

 
SCHEDA TECNICA


Titolo: Matrimonio siriano
Autore: Laura Tangherlini
Editore: Infinito
Collana: Orienti
Pubblicazione: 28 Agosto 2017
Formato: Kindle
Genere: Saggi / Giornalismo
 
Valutazione
 
 
Quante di noi avrebbero scelto la Siria per trascorrere il  viaggio di nozze? Quante di noi avrebbero devoluto i regali di matrimonio agli orfanotrofi dei profughi siriani? Laura ha fatto tutto ciò e ce lo racconta nel suo libro “ Matrimonio siriano”. Un libro intrecciato di attualità e umanità. Un libro che racconta l’amore per la Siria e il suo popolo, martoriato dalla guerra civile, costretto a fuggire per salvare la propria vita.
In questo libro Laura racconta attraverso interviste e testimonianze, il dramma di un popolo e della sua terra, non tanto in termini giornalistici ( a cui si relega solo la parte dell’intervista), ma sul piano umano e morale. Ogni intervista, una testimonianza, un pezzo di vita, visto e raccontato sia dal punto di vista dei bambini che degli adulti. Punti di vista diametralmente opposti ma uniti da un unico desiderio: ritornare nella propria terra e nella propria casa.
Gli chiedo cosa vorrebbe vedere se i suoi occhi funzionassero bene: - Vorrei rivedere il mio quartiere…dopo quattro anni quasi non me lo ricordo più…e vedere cosa sia rimasto della nostra casa…-“
Ogni testimonianza, un’ emozione per il lettore. Hani 10 anni, Judiye 11 anni, Ahmed 13 anni, potrebbero essere nostri figli, nostri fratelli, nostri cugini, ma non vivono come i nostri figli, perché hanno la colpa di essere nati siriani.
“- Immagino di trovarmi in Siria, ma non ci sarà più nessuno e camminerò per le strade vuote, perché saranno tutti morti-. La sua rassegnazione è agghiacciante”.
Matrimonio siriano” è dal mio punto di vista, “un diario di viaggio” ; è come se Laura avesse raccolto le sue riflessioni in un diario e lo abbia affidato a noi lettori, affinchè le sue riflessioni diventino le nostre e ci aiutino a considerare l’immigrazione come una sconfitta dell’uomo e di tutte le nazioni.
Molto belle le immagini del matrimonio,  la gioia dei bambini , la loro allegria, le loro voci. Momenti magici che hanno trascinato i bambini in un oasi di pace e spensieratezza seppur momentanea.
“La musica trionfale sta già andando[…] i bambini, vestiti a festa, alzano i loro palloncini colorati e, disposti ordinatamente su due file, aspettano il passaggio degli sposi[…] attraversiamo quel festoso corridoio umano, veniamo attaccati con bombole spray che lanciano nell’aria una polvere bianca[…] le bimbe urlano[…] ecco cominciare il nostro piccolo grande matrimonio alla siriana, tra i siriani, per i siriani”.

bambini dovrebbero sempre ridere, giocare, cantare, gioire e non essere vittime degli interessi economici ed egoistici degli adulti.
“ Ora la consegna dei giochi […] cominciamo con i palloncini […] è bello vedere quelle manine protese verso di noi e sapere che non le lasceremo richiudere vuote […] anche in questo caso questi piccoli siriani hanno lezioni da dare ai grandi. Non si accalcano in modo scomposto nel tentativo di prendere tutto ognun per sé[…]”.

Un libro scritto per sensibilizzare tutti noi e guardare la realtà che ci circonda seppur lontana geograficamente dal nostro sguardo; bisogna aprire gli occhi e guardare al di là; aprire la mente sull’importanza dell’adozione a distanza che potrebbe alleviare i disagi e i problemi dei bambini profughi, privati di ogni loro diritto civile e umano.
Molto bella l’idea di Laura, di introdurre ogni capitolo con una poesia di Nizar Qabbani, il poeta siriano, testimone del dramma del suo popolo; ne riporto la poesia con cui apre il capitolo cinque:

“Saluti…
Saluti…a una casa che ci ha insegnato l’amore
E la misericordia,
un saluto ai tuoi fiori bianchi…la gioia di piazza
al Najma.
Saluti al mio letto
ai miei libri, ai ragazzini del nostro quartieri,
e a tutti quei muri che abbiamo riempito
con i nostri scarabocchi”.
Libro consigliato a tutti sia per la sua bellezza sia perchè Laura Tangherlini intende destinare tutti i suoi diritti di autore ad ulteriori progetti di sostegno per i siriani, coinvolgendo varie ong, in primis Terre des Hommes.La colonna sonora del reportage (quattro canzoni inedite) è stata curata da Laura Tangherlini e dal marito Marco Rò, che essendo un cantautore ha composto tutte le musiche  e scritto i testi (due dei quali scritti a quattro mani con la moglie giornalista) delle canzoni. I brani del reportage sono cantati dallo stesso Marco Rò e (per due brani) dalla moglie giornalista.

Buona lettura e buon ascolto a tutti!!!
 
 


 

2 commenti:

Lascia il tuo commento qui!

Prossima uscita, collana Pink Boudoir

Prossima uscita, collana Pink Boudoir Eccoci con una nuovissima uscita targata The Pink Factory Publishing.  Il 24 maggio arriva per la coll...