Lettori fissi

giovedì 11 marzo 2021

Recensione libro Il sangue di Luino di Cesare Gigli, edito da Dialoghi

 Recensione libro Il sangue di Luino di Cesare Gigli, edito da Dialoghi

Scheda tecnica
Titolo: Il sangue di Luino
Autore: Cesare Gigli
Editore: Dialoghi
Genere: Narrativa storica
Pagine: 140
Pubblicazione: 20 Dicembre 2020
Formato: Copertina flessibile
Dalla proclamazione del Regno d’Italia sono passati solo pochi decenni, quando il sottobrigadiere della Regia Guardia di Finanza, Italo Fornari, viene trasferito a Luino, al confine con la Svizzera. Originario degli Abruzzi e figlio di umili contadini, Italo si rende presto conto che la sua Patria, di cui fieramente porta il nome e che orgogliosamente serve, non è così unita come sembra, né a livello culturale, ma nemmeno linguistico e men che mai ideologico. La sua permanenza al Nord, seppur breve, gli consente però di mettersi in discussione e di rivalutare le sue priorità.

Italo Fornari, nato in Abruzzo a Petrella Salto, da una famiglia di contadini, con grande abnegazione e impegno persegue il suo sogno di entrare nella Regia Guardia di Finanza. Studiando con dedizione e grazie all’aiuto della zia, seppur contro l’iniziale opposizione del padre, Italo riesce con successo ed in breve ad ottenere il grado di sottobrigadiere delle Fiamme Gialle. Con la promozione il primo incarico che lo porta a Luino, al confine con la Svizzera, lontano dalla sua famiglia e da Maria, la donna che ha chiesto in sposa. Un viaggio lungo oltre quaranta ore attraversa l’Italia, la Patria che, con orgoglio e fierezza, si sente di servire. Giunge in un mondo completamente nuovo: tutto gli appare enormemente diverso rispetto al paese natio, a cominciare dalla percezione del tempo e del suo trascorrere più o meno veloce... Italo non è preparato: le ore trascorse a studiare e il grado conseguito non hanno cancellato la sua origine di meridionale “terrone” e le difficoltà con la lingua non lo aiutano. D’altronde, l’Italia da poco costituita che egli si affanna a servire manca degli italiani... Italo così fiero del suo nome, un nome tanto evocativo, si trova in terra straniera, quand’anche in Patria, a dover affermare, con la forza di una scazzottata, il rispetto dovuto al suo grado.
Non capiva nulla: quel dialetto era ancora una lingua straniera e continuava a sentirsi, proprio lui, così abituato a essere parte dell’ambiente che viveva, estraneo al mondo che lo circondava. Provava una vaga sensazione di malessere. L’impressione di essere trattato come uno straniero, quasi un essere inferiore, era palpabile persino in caserma. Non solo continuava a essere visto male dai soldati, ma i due militi che aveva incontrato il giorno in cui era arrivato, Brambilla e Radaelli, non rispondevano neanche se li chiamava, quasi sfidandolo con la loro indisciplina e indirizzandogli frasi in dialetto stretto che lui non ca- piva, ma che percepiva fossero insulti.”
Italo così per bene che stringe immediatamente amicizia con il collega Gaetano Pedronetto, alto e biondo “che sembrava nato per fare quel mestiere”. Presto “A Italo sembrò che il suo amico stesse cambiando espressione. Percepiva nei suoi occhi ammirazione e sorpresa al tempo stesso. «Io credo tu sia una persona eccezionale, Italo» disse infatti. «Hai avuto coraggio per te stesso, ami la Patria come me, e sei disposto a tanti sacrifici per essa. Se solo tutti vedessero come sei, e non solo il fatto che hai un dialetto diverso dal nostro...»”
Italo che presto comincia a fare i conti con la consapevolezza “Capì in un lampo che non c’era solo qualcosa di sbagliato in tutto ciò che era successo. Lo era tutto...”. Cesare Gigli, con “Il sangue di Luino “ci ha fatto un regalo bellissimo. Un romanzo delicato e appassionato dove l’amore e le sue declinazioni si affiancano alla narrazione di momenti strazianti. Con un linguaggio chiaro e scorrevole, il racconto fluisce attraverso le pagine riportando immagini nitide dei fatti e dei personaggi, stimolando a considerazioni e approfondimenti circa il periodo storico in cui la storia è ambientata. Sullo sfondo, un senso di solitudine lancinante che spiega perfettamente la sensazione di svuotamento che si prova quando la realizzazione del sogno di una vita si scontra con la realtà della vita stessa. Un testo che fa riflettere e che analizza temi fondamentali anche ai nostri tempi dove i confini sono divenuti più permeabili e noi, cittadini europei. Un mondo dove le donne lavorano quanto gli uomini e sì, votano, contrariamente a quel che nota Italo ai suoi tempi, ma quanto hanno ancora da fare per realizzare una reale uguaglianza dei generi. Un libro troppo breve. 5 stelle



 

 

Oggi in libreria!!!

Oggi in libreria!!!

La rovina di ogni cattiva ragazza (The Good Girl Series Vol. 2) di Holly Renee, Triskell edizioni

Non era mai arrivato nulla di buono dall’ascoltare il mio cuore. Era avventato e irrazionale e si appassionava troppo quando leggevo un romanzo rosa. Quindi l’avevo chiuso a chiave. Avevo poche regole, e le avevo sempre rispettate.
1. Mai affezionarsi.
2. Scappare sempre via prima che i sentimenti diventino contagiosi.
3. Non importa come, mai innamorarsi, niente eccezioni.
Lui era un playboy che seguiva le stesse regole. Quello che c’era tra noi era divertente, sexy e temporaneo. Finché lui non ha mandato tutto all’aria. Non avremmo mai dovuto essere il lieto fine l’una dell’altro, ma più provavo ad allontanarlo, più ci cadevo dentro.

L'Azzardo: Un romanzo sul ménage di Tara Crescent

Sono una giocatrice. Non so resistere a un buon tavolo. Ma non rischio mai col mio cuore. Sette mesi fa ho avuto un’indimenticabile avventura di una notte con Dominic e Carter. Erano un’autentica tentazione ma nel corso della nottata mi ha preso il panico e prima che la fantasia lasciasse spazio alla gelida realtà, sono scappata con l’intenzione di non rivederli mai più. O almeno così pensavo. Sette mesi dopo ho un debito di centomila dollari dopo una nottata disastrosa al poker. Arrivo ad Atlantic City ansiosa di recuperare la perdita e ci trovo loro, Dominic e Carter. Gli uomini da cui ero fuggita. Gli uomini che perseguitano i miei sogni. Sempre impossibilmente favolosi. Sempre estremamente seducenti. E mi vogliono ancora. La posta non è mai stata tanto alta. Questa volta non posso scappare. Dovrò mettere sul piatto il mio cuore.

Candido di Guido Maria Brera, La Nave di Teseo

Un imminente futuro fa da cornice a un mondo nel quale la tecnologia, invece di emancipare il genere umano, ha moltiplicato lo sfruttamento e le disuguaglianze sociali a livello esponenziale, arrivando a esercitare un controllo asfissiante sull'esistenza delle persone. Candido non è più il giovane ingenuo del capolavoro filosofico di Voltaire, ma un rider che, per guadagnarsi da vivere, pedala senza sosta su e giù per la città al soldo dei colossi del delivery. Un misterioso algoritmo, che tutto sorveglia e tutto stabilisce, è il sovrano indiscusso, sostenuto con forza da un novello Pangloss che appare come un ologramma sulle facciate dei palazzi, ripetendo in ogni angolo della città il potente mantra: "Tutto va bene". Ben presto però l'ottimismo di Candido si affievolisce, scontrandosi con la dura realtà quotidiana: un lavoro sfiancante e uno stipendio che non basta mai, una madre di cui occuparsi e una casa che cade a pezzi, un amore virtuale che non può dargli ciò che lui davvero desidera. Una serie di tragicomici eventi fa maturare in lui il disincanto, finché esplode la rabbia di chi si accorge di essere solo la minuscola parte di un ingranaggio di una società al collasso, nella quale solo i più ricchi possono sopravvivere. La storia di Candido - che ha ispirato un film in lavorazione coprodotto dai Diavoli - ci riguarda tutti: ribalta l'entusiasmo di chi crede ciecamente nella tecnologia, mostra le brucianti contraddizioni del capitalismo contemporaneo, e racconta il florido avvenire che poteva essere e, a quanto pare, non è.

L'arte dell'henné a Jaipur di Alka Joshi, Neri Pozza

Jaipur, 1955. La giovane Lakshmi Shastri si è lasciata alle spalle una vita di povertà e un marito violento per diventare una delle artiste dell'henné più richieste in città. Prima che arrivasse a Jaipur, per farsi decorare mani e piedi le sue clienti si rivolgevano a donne Shudra, che si limitavano a tracciare semplici puntolini, trattini e triangoli, quel poco che bastava per procurarsi i loro magri guadagni. Lakshmi offre invece una gamma di motivi assai più complessi, capaci di rispecchiare le storie delle donne alle quali sono destinati. I suoi vividi ghirigori color cannella non hanno mai deluso le sue clienti che, con il tempo, sono arrivate a convincersi che il suo henné abbia il potere di riportare nel loro letto un marito scapestrato, o di indurre il loro ventre a concepire un figlio. Ecco perché Lakshmi può pretendere una tariffa dieci volte più alta del prezzo richiesto dalle donne Shudra, e ottenerla. Con il tempo è arrivata perciò assai vicina a conquistare ciò che desidera: una casa tutta sua, con pavimenti di marmo, acqua corrente a volontà e una porta d'ingresso di cui essere la sola ad avere le chiavi. Un posto nel quale poter accogliere i genitori e chiederne il perdono per essere fuggita dal marito, rovinando così la loro reputazione. Un giorno, però, il passato bussa alla sua porta: suo marito è riuscito a rintracciarla, e ad accompagnarlo c'è una ragazzina sconosciuta, una tredicenne con gli occhi enormi, di un azzurro che vira al verde, iridescenti come le piume di un pavone. È Radha, sua sorella. Una sorella di cui la giovane donna ha sempre ignorato l'esistenza. Una sorella, soprattutto, destinata a portare uno scompiglio tale nella vita di Lakshmi da metterne a repentaglio carriera e reputazione.

Storie vere di un mondo immaginario. Cinque racconti delle Cinque terre di Dario Vergassola, Baldini+Castoldi

Cosa avrebbe da dire un girino che abita uno stagno all’arrogante che cerca in tutti i modi di contaminare l’acqua? E cosa pensano davvero le acciughe sui banconi dei bar liguri di questa tradizione alimentare? Com’è, insomma, la vita in questo mondo alla rovescia in cui gli animali e le sirene parlano, si lamentano dell’uomo, lo sfidano e lo contrastano? In queste cinque storie di delicata ironia, di struggente tenerezza, comiche e malinconiche al tempo stesso, pungenti di satira sociale e disincantate e lucide, a essere protagonisti sono proprio loro, i dimenticati animali e le leggendarie creature del mare: pesci, totani, sirene, acciughe e polpi mettono qui in scena le loro storie d’amore impossibili, le loro tirate ecologiste, la malinconia di essere esclusi, il desiderio di scoprire il mondo lanciandosi in mille spericolate avventure. Il risultato è un ribaltamento provocatorio e ludico delle nostre certezze: le Cinque Terre, che ci apparivano solo come una costa perfetta per i turisti e popolata da pescatori, si trasformano in queste pagine in un mondo favolistico e spietatamente vero, fino ad assumere i tratti di un luogo in cui la leggenda è di casa e in cui è possibile guardare il mondo da un’altra prospettiva.

L'anomalia di Hervé Le Tellier, La Nave di Teseo

Nel marzo 2021, un Boeing 787 di Air France in volo da Parigi a New York incappa in una grande turbolenza prima di atterrare. Tre mesi dopo lo stesso aereo, con gli stessi passeggeri e un identico equipaggio, ricontatta i controllori di volo dell’aeroporto JFK. L’inspiegabile duplicazione preoccupa CIA, FBI e gli alti comandi dell’esercito, che dirottano l’aereo in una base militare. Le indagini degli Stati Uniti e delle altre potenze scatenano una caccia all’uomo planetaria per rintracciare i misteriosi doppi di tutte le persone a bordo. Ma durante quei tre mesi fatali, le vite di alcuni di loro sono cambiate per sempre: chi ha combattuto un male incurabile, chi ha raggiunto il successo soltanto dopo un gesto estremo, chi ha trovato l’amore e chi si è lasciato per sempre, chi ha finalmente affrontato le sue bugie. Tutti credevano di avere una vita segreta. Nessuno immaginava fino a che punto fosse vero. In un romanzo imprevedibile – dove la letteratura sfida la logica, la scienza, tutto quello in cui crediamo – Hervé Le Tellier racconta la verità e i suoi inganni, alla ricerca dell’anomalia nascosta che può sfiorare la vita di ognuno di noi.

Vite in attesa di Julia Sabina, Garzanti

Nella vita Maribel ha preso molte decisioni sbagliate e pochissime buone. Ma ora sente che le cose stanno per cambiare. Ha appena accettato un dottorato a Lille, in Francia. In fondo, nulla la trattiene a Madrid, così parte, piena di speranza: è giovane, e ha tutte le carte in regola per essere felice. Non fa altro che sentirselo ripetere. L'emozione di un nuovo paese, di una nuova lingua, di nuove persone da conoscere all'inizio la travolge. Ora Maribel riesce a vederle, le mille possibilità che ha davanti. Ma l'incantesimo presto si spegne. Intorno, tutto sembra vorticare a gran velocità e lei non riesce a stare al passo. Tutti perseguono il proprio obiettivo senza tentennamenti, come la sua coinquilina Paula o il suo amico Alessio. Lei, invece, trascina le sue giornate lavorando in un bar e facendo finta di scrivere una tesi di cui non importa a nessuno, forse nemmeno a lei. Per non parlare del bel Guillaume che un giorno appare e quello dopo scompare. Maribel si sente di nuovo al punto di partenza. Come se l'incertezza non derivasse dal luogo in cui si trova o da chi frequenta, ma risiedesse dentro di lei. Fino a quando scopre  che anche i suoi amici in realtà non hanno idea di dove stanno andando. Perché essere giovani è una fortuna ma è anche una grande sfida: il mondo ti disegna in un modo e tu non sai ancora chi vuoi diventare. Maribel vuole capire chi è veramente, senza condizionamenti. Vuole un lavoro, ma solo se migliora la sua vita. Vuole amare, ma solo se può farlo con passione. Vuole dare un senso a una realtà che sembra averlo perso molto tempo prima. Perché sarà pure disorientata, ma ha tanta voglia di vivere.

La seduta spiritica di Antonio Iovane,  Minimum Fax 

È il 2 aprile del 1978. In una villa vicino a Bologna alcuni professori si riuniscono insieme alle loro famiglie per trascorrere una domenica spensierata e qualcuno, per passare il tempo, propone di fare una seduta spiritica per trovare Aldo Moro, da diciassette giorni nelle mani delle Brigate Rosse. E gli spiriti rispondono, offrendo gli indizi per individuare il principale covo delle BR. Ma cosa accadde quel pomeriggio? Davvero un piattino da caffè capovolto si mosse da solo tra le lettere dell'alfabeto disegnate su un foglio di carta formando la parola Gradoli? Per indagare su questa storia assurda Antonio Iovane ha messo in ordine, uno dietro l'altro, fatti e testimonianze. Mescolando finzione e reportage, interviste, memorie e autobiografia, ha trasformato in azione tutto quello che è stato raccontato dai protagonisti della seduta spiritica. È una ricostruzione indiziaria, un racconto inchiesta che mette in rilievo gli equivoci e le circostanze ambigue di questa storia. L'Italia è un paese senza verità, se manca la verità si può solo cercare di formulare gli enigmi irrisolti nella maniera più corretta. Ma, come diceva Sciascia che apre e chiude questa indagine, i fatti della vita, una volta scritti, diventano più complessi e oscuri.

Quattro Indagini Makari di Gaetano Savatteri, Sellerio editore

Il lato fragile', 'Il fatto viene dopo', 'La regola dello svantaggio', 'È solo un gioco'. Sono le prime storie dell’irresistibile coppia di investigatori dilettanti siciliani Saverio Lamanna e Peppe Piccionello, nati e cresciuti nei racconti gialli inclusi nelle antologie a tema e riproposti in questa raccolta in occasione dell’imminente debutto in TV che li vedrà protagonisti su Rai1 di una nuova serie con Claudio Gioè diretta da Michele Soavi. Quattro casi delittuosi attraverso cui conosciamo i due protagonisti, campioni di sarcasmo e irriverenza, ironia e battute dissacranti, che insieme fustigano pregiudizi e luoghi comuni.

La legge del silenzio di Kimberly McCreight, Casa editrice Nord

Un quartiere dove tutti si conoscono. Una coppia affiatata. Un delitto inspiegabile. Quando una moglie viene uccisa, il primo indiziato è sempre il marito. Se poi la moglie viene trovata in casa, ai piedi delle scale, con accanto il marito sporco di sangue, è praticamente un caso chiuso. Lizzie Kitsakis lo sa bene, avendo lavorato per anni come procuratore federale, prima che le difficoltà economiche della famiglia la costringessero ad accettare un posto meglio retribuito in un prestigioso studio di avvocati difensori. Stavolta però è diverso: il marito in questione, infatti, è Zach Grayson, un suo vecchio amico, nonché l'ultima persona che crederebbe capace di un gesto simile. Ai tempi del college, Zach era un giovane onesto e gentile; adesso è un imprenditore di successo, un pilastro della comunità di Park Slope, la zona più esclusiva di Brooklyn. Eppure, raccogliendo le dichiarazioni dei vicini, pian piano Lizzie si rende conto che quelle famiglie sono felici sono in apparenza e tra loro si celano invidie, rivalità e rancori. E, la sera del delitto, tutti hanno partecipato a una festa nella villetta accanto a quella di Zach, festa di cui nessuno accetta di rivelare i dettagli. Possibile che uno di loro sia il vero colpevole? Per scoprirlo, Lizzie dovrà scavare nel passato degli invitati, anche a costo di violare la legge non scritta che vige in quel quartiere: la legge del silenzio...

Il buio ti troverà di Daniel Cole, Longanesi

Quando il poliziotto in pensione Finlay Shaw viene trovato morto in una stanza chiusa a chiave dall’interno e con una pistola al suo fianco, tutti sono pronti ad archiviare il caso come un suicidio. Ma l'ex ispettore della polizia londinese William «Wolf», latitante in fuga, decide di costituirsi pur di poter riaprire il caso. Insieme alla sua ex collega Emily Baxter e all’investigatore privato Edmunds, la squadra di Wolf inizia a scavare nei primi giorni di servizio di Shaw. Shaw era innocente come sembrava? O nel suo passato c’era qualcosa di tanto terribile da non poter essere rivelato a nessuno? Le risposte a queste domande risiedono nel passato ed è presto chiaro che qualcuno farebbe di tutto per assicurarsi di lasciarle lì. Wolf si ritroverà presto a doversi difendere dai suoi stessi colleghi e capirà che questa volta non è solo la sua carriera a essere in pericolo, ma la vita di coloro a cui tiene di più...

martedì 9 marzo 2021

Recensione di Unique di Carmen Weiz, Edizioni Quest

 Recensione di Unique di Carmen Weiz, Edizioni Quest

Scheda tecnica
Titolo: Unique
Autore: Carmen Weiz
Serie: #1 Unlimited Swiss Legends
Genere: romance suspense
Pubblicazione: 28 Settembre 2019
Formato: Ebook e copertina flessibile
Editore : Edizioni Quest
Pagine: 360
Quanto profondamente riteniamo di conoscere la persona che amiamo? Sappiamo tutto di lei oppure ci ha nascosto i segreti più profondi, quelli che le oscurano l'anima? Dopo dieci anni di matrimonio, Lara Köhler pensava di conoscere l’uomo della sua vita, o forse si sbagliava… È arrivata l’ora di scoprire il vero volto che si nasconde dietro al marito perfetto. Carmen Weiz torna con una nuova storia sconvolgente che tratta di un argomento di cui pochi hanno il coraggio di parlare. I maltrattamenti dell’anima. Una vicenda coinvolgente, che fa riflettere sull’importanza delle scelte e sul processo che accompagna l’essere umano a compierle; sull’impossibilità di dimenticare il male e il modo in cui cambia la psicologia umana dopo i traumi.  Che ne sarà dei peccatori? Inferno o paradiso? Unique, una storia di amore e speranza, laddove nessuno crede possano esistere ancora. Primo volume autoconclusivo della serie Swiss Legends.
Buongiorno care lettrici! Sono molto contenta di partecipare a questo (secondo) review party per la serie Swiss Legends. Unique, primo volume autoconclusivo di questa potente trilogia è un mix di amore, pericolo, violenza e mistero. Colpi di scena e suspence a non finire sono la caratterizzazione di questo meraviglioso thriller psicologico. Non mi soffermo a raccontarvi troppo, rimando alla trama che sicuramente vi incuriosirà com'è successo a me. E fidatevi, non ne rimarrete delusi. Pur non essendo il mio genere prediletto, ho comunque apprezzato il contenuto esplosivo, forse leggermente meno le scene forti, comunque descritte alla perfezione. Impeccabile la descrizione dell'ambientazione del racconto, l'autrice ha scritto nei minimi dettagli i luoghi dov'è ambientato il romanzo, altrettanto descritti molto bene tutti i personaggi, principali e non. Trama studiata e sviluppata in maniera eccellente, non è assolutamente facile scrivere storie del genere e non avendone mai lette di simili non posso fare paragoni, di certo posso affermare che questo libro è una bomba! Come sempre Carmen Weiz non delude, ha quella scrittura fluida che tiene il lettore incollato alle pagine come in ogni suo libro. È ovvio che le 5 stelle che assegno sono meritatissime, ti prego Carmen, continua così!!! 😍😍😍 A presto con la recensione numero due! 😉

Uscite libri 9 Marzo 2021

 Buongiorno lettori con la rubrica #uscitalibri

Sei tu quello che voglio di Joanna Wylde, Newton Compton editori

Se c’è una cosa di cui Liam “Hunter” Blake è sicuro è che odia i Reapers MC. Nato e cresciuto tra i Devil’s Jack, conosce il suo dovere: difendere il club di motociclisti di cui fa parte dai suoi più antichi nemici, i Reapers. A qualunque costo. Ma perché usare la forza quando il capo dei Reapers ha una figlia ingenua e vulnerabile? Hunter ha desiderato Em dal primo momento in cui l’ha vista, e ora ha un’ottima scusa per averla. Em ha vissuto tutta la vita all’ombra dei Reapers. Suo padre è iperprotettivo, ed è il capo della banda. L’ultima volta che Em ha avuto un fidanzato, qualcuno gli ha sparato. E da allora gli uomini sono più interessati a compiacere suo padre che a farla divertire. Fino a che un affascinante sconosciuto non è entrato nella sua vita. Em si è sentita per la prima volta desiderata, a prescindere dal suo cognome. Possibile che l’uomo che affolla i suoi pensieri di notte non abbia paura di suo padre? Forse Liam è davvero quello giusto...

Galassie e oceani di N. R. Walker, Triskell edizioni

Cogliendo la sua unica occasione per fuggire, Ethan Hosking lascia l’ex violento e tutta la sua vita, e si inoltra nel cammino distruttivo di un incendio. Dalla foresta devastata dal fuoco emerge Audrey Hobbs, vivo ma solo, un uomo nuovo alla ricerca disperata di un nuovo inizio. Senza documenti e senza denaro, con nulla a parte il telescopio del nonno, si lascia guidare dalla Croce del Sud. Patrick Carney è il guardiano del faro di Hadley Cove, una cittadina sulla remota Kangaroo Island, a sud della costa australiana. Dopo la tragica morte dell’amante quattro anni fa, vive una vita solitaria: ci sono solo lui, un gatto tigrato, l’Oceano Indiano e Antartico, e una marea di solitudine. È contento della sua vita finché in città non arriva uno straniero che attira la sua attenzione. Patrick non si sarebbe mai aspettato di provare interesse per qualcun altro. Aubrey non si sarebbe mai aspettato di essere felice. Tra l’amore per le stelle di Aubrey e quello per l’oceano di Patrick, questi due cuori fragili devono imparare a navigare in acque sconosciute. Se riusciranno a superare la tempesta del loro passato, forse troveranno un amore che eclisserà tutto.

Volevo solo sfiorare il cielo di Silvia Ciompi, Sperling & Kupfer

Dopo la morte della madre Emma, Clelia ha smesso di vivere. Nasconde le cicatrici sotto il trucco pesante e le magliette scure troppo lunghe, con il silenzio unico compagno delle sue giornate, da cui la musica, tanto amata da Emma, è bandita. Il giorno del suo compleanno, quando la nonna le consegna la chiave di uno scantinato che le aveva comprato la madre per allestire una web radio, Clelia all'inizio non ne vuole sapere, poi la curiosità di scoprire il suo ultimo piano ha la meglio. Ed è proprio fuori dallo scantinato, sotto il sole cocente di giugno, che conosce Lorenzo, appena arrivato all'Isola d'Elba da Roma, con i suoi ricci ribelli, la faccia da schiaffi e un sorriso arrogante. Tra i due prima è guerra aperta, poi tregua armata, infine pace che assomiglia tanto all'amore. E all'improvviso, mentre l'estate infuria e l'afa diventa sempre più opprimente, Clelia non si nasconde più e la musica torna a fare da colonna sonora ai suoi giorni. Ma la ragazza non sa che Lorenzo è in fuga da tutto, soprattutto da se stesso, e si porta dentro un terribile dolore. Una volta che i segreti di entrambi verranno svelati, la loro storia sopravvivrà ai contraccolpi della vita?

Illusorio di Diana Nixon

I cuori non battono per sempre. E nemmeno il mio. Il giorno in cui mi svegliai con il cuore di un donatore che mi batteva nel petto, cambiò tutto. Mi sentivo come se non fossi più me stessa, come se fossi stata costretta a vivere la vita di qualcun altro. Anche i miei sogni, non erano più miei. Chiudevo gli occhi e vedevo luoghi e persone che non avevo mai conosciuto. Mi svegliai con la sensazione di déjà vu e non sapevo se era solo un gioco della mia immaginazione o se stavo impazzendo. Ottenere un nuovo lavoro dai Bowen complicò tutto quanto. Erano estranei per me, ma in qualche modo, mi sentivo come se li conoscessi da tutta la vita ...

Quello che tu non vedi di Julia Walton, Sperling & Kupfer

Quando la realtà ti scivola tra le dita, lascia che sia l'amore la tua unica realtà. 
All'apparenza, Adam è un adolescente come tanti, con la scuola, qualche amico e la passione per la cucina. In verità, si porta appresso un enorme fardello: è affetto da schizofrenia, un disturbo mentale che gli provoca allucinazioni molto vivide sotto forma di personaggi insoliti e ingombranti che si presentano da lui quando meno se l'aspetta e nei momenti meno opportuni. Tuttavia, grazie a un farmaco sperimentale, gli si prospetta all'improvviso la possibilità di nascondere la malattia al mondo. Nell'istante in cui conosce Maya, intelligentissima e meravigliosa, Adam spera con tutto il cuore che la cura funzioni e non desidera altro che essere normale, per lei. Quando, però, la terapia comincerà a non avere più l'effetto sperato, come potrà mantenere il segreto sulla sua condizione con la ragazza dei suoi sogni?

Prima persona singolare di Haruki Murakami, Einaudi

Murakami Haruki è da solo in viaggio nel nord del Giappone quando decide di fermarsi per la notte in un ryokan, le tipiche locande di montagna giapponesi. Ad accoglierlo un locandiere vecchissimo e di poche parole e un gatto che appare altrettanto decrepito. Ma che importa, il posto è accogliente e poi non c'è altro disponibile nei dintorni: anzi, Murakami decide di approfittare del bagno termale per rilassarsi. Ed è lì, tra i vapori dell'acqua calda, che entra una scimmia: «Buonasera », dice la scimmia, «vuole che le lavi la schiena?» La scimmia ha imparato a parlare dal suo antico padrone, un professore di Shinagawa, un quartiere di Tokyo, ama ascoltare Bruckner (apprezza in particolare il terzo movimento della Settima sinfonia) e ha una vita molto interessante alle spalle. La racconterà al nostro narratore poco dopo, in camera, mentre si bevono una Sapporo come due vecchi amici che, complice la notte, aprono il loro cuore intorno al tema dei temi: l'amore, l'amore romantico e quello erotico, la solitudine e il suo opposto, il desiderio e ciò che significa nella vita degli esseri viventi. Pare proprio che, con la raggiunta maturità anagrafica e artistica, Murakami Haruki abbia deciso di puntare il telescopio della sua arte verso l'interno, verso quella «prima persona singolare» che nelle opere precedenti restava nell'ombra. E per farlo ci regala otto racconti in cui dice «io», otto gemme che anche quando sconfinano nei mari del fantastico non rinunciano alla sincerità, al calore della confessione, all'emozione di un cuore per la prima volta messo a nudo.

Quando tornerò di Marco Balzano, Einaudi

Questa è la storia di chi parte e di chi resta. Di una madre che va a prendersi cura degli altri, dei suoi figli che rimangono a casa ad aspettarla covando ambizioni, rabbie, attese. E un'incontenibile voglia di andarsene lontano. Dopo "Resto qui", Marco Balzano torna con un racconto profondo e tesissimo di destini che ci riguardano da vicino, ma che spesso preferiamo non vedere. Un romanzo che va dritto al cuore, mostrando senza mai giudicare la forza dei legami e le conseguenze delle nostre scelte. Daniela ha un marito sfaccendato, due figli adolescenti e un lavoro sempre più precario. Una notte fugge di casa come una ladra, alla ricerca di qualcosa che possa raddrizzare l'esistenza delle persone che ama - e magari anche la sua. L'unica maniera è lasciare la Romania per raggiungere l'Italia, un posto pieno di promesse dove i sogni sembrano più vicini. Si trasferisce così a Milano a fare di volta in volta la badante, la baby-sitter, l'infermiera. Dovrebbe restare via poco tempo, solo per racimolare un po' di soldi, invece pian piano la sua vita si sdoppia e i ritorni si fanno sempre più rari. Quando le accade di rimettere piede nella sua vecchia casa di campagna, si rende conto che i figli sono ostili, il marito ancora più distante. E le occhiate ricevute ogni volta che riparte diventano ben presto cicatrici. Un giorno la raggiunge a Milano una telefonata, quella che nessuno vorrebbe mai ricevere: suo figlio Manuel ha avuto un incidente. Tornata in Romania, Daniela siederà accanto al ragazzo addormentato trascorrendo ostinatamente i suoi giorni a raccontargli di quando erano lontani, nella speranza che lui si svegli. Con una domanda sempre in testa: una madre che è stata tanto tempo lontana può ancora dirsi madre? 

Le cose belle sono curve di Marco Braico, Piemme

Il primo giorno di scuola per Alberto, professore di matematica e fisica al liceo, è indimenticabile, ogni anno. Quello che in giugno sembra impossibile, i comportamenti insopportabili degli alunni e dei colleghi, il programma ripetuto fino alla nausea, in settembre pare trasformarsi. Non più un ostacolo, ma un'opportunità. Ed è con questo atteggiamento che varca le porte della scuola in cui insegna da tempo, pronto alle battute dei ragazzi, alla ritualità dei giorni sempre uguali a se stessi e sempre diversi. Quest'anno, però, le cose non vanno come dovrebbero: è solo un piccolo particolare stonato, in grado però di trasformare quella bella giornata. Serena, collega bellissima e irraggiungibile, suo amore segreto da sempre, ma soprattutto grande amica, è diversa, non ricambia i suoi sorrisi, non risponde ai suoi messaggi. Serena nasconde un segreto, qualcosa che non ha nulla a che fare con lui e che la rende ogni giorno più triste e distratta. Dopo molta insistenza, Alberto riesce a farsi confessare il motivo di tanto turbamento. E la verità è sconcertante. Spetterà a lui starle accanto come mai avrebbe pensato, perché stare vicino a chi soffre è difficile. L'istinto è quello di scappare, come se il male dell'altro potesse in qualche modo intaccare la nostra vita, come una malattia. Alberto si accorgerà di quanto l'amicizia in certe stagioni della vita possa avere la stessa importanza dell'amore e di quanta forza una donna, una madre possa sprigionare dal suo piccolo cuore. 

Il principe del mondo di Antonio Monda, Mondadori

New York, ottobre 1927. Sono i giorni in cui Sam Warner, il più autorevole dei Warner Bros, con l'introduzione del sonoro, sta cambiando per sempre la storia del cinema e della cultura del Novecento. Assistente del grande produttore cinematografico è il giovane Jake Singer, che dopo la morte improvvisa di Warner passerà al servizio di Joe Kennedy, il capostipite della più importante famiglia americana del XX secolo. Kennedy è un uomo controverso, duro, discusso, smodatamente ambizioso e disposto a tutto pur di raggiungere i suoi obiettivi. Ma è anche intelligentissimo, visionario e coraggioso. La sua, e quella dei suoi figli, sarà una storia leggendaria e drammatica, di cui Jake Singer è testimone privilegiato e narratore, e col suo racconto, serrato e avvincente, ci restituisce luci, ombre, atmosfere e protagonisti di una famiglia che è diventata mito. 

Il cacciatore di ricordi. Quattro casi gialli per un neuroscienziato di Fabrizio Benedetti, Mondadori

Fabrizio Benedetti, professore di Neurofisiologia all'Università di Torino, nel suo lavoro di medico e ricercatore esplora la mente e i ricordi delle persone. Un lavoro che per certi versi richiama quello di un detective: partendo dai dati a disposizione, infatti, si trova spesso a indagare in maniera empirica, per tentativi, la mente umana e i suoi inganni, i depistaggi, le false memorie. Questo libro raccoglie quattro casi clinici che, per la loro natura, sembrano veri e propri gialli. C'è la storia di Sonia, una donna affetta da demenza che con l'aggravarsi della sua condizione rivelerà un oscuro segreto del passato: si tratta della verità o soltanto di una falsa memoria causata dalla malattia? O, ancora, la storia di Magda, convinta di essere stata testimone di un tragico evento mentre si trovava sotto i ferri: è possibile che si tratti di un caso di anestesia cosciente? E, anche se fosse, la memoria di Magda è attendibile? Toccherà al medico vestire i panni dell'investigatore e scandagliare la mente e i ricordi dei pazienti alla ricerca di una possibile verità. Caso dopo caso, con grande competenza, Fabrizio Benedetti ci prende per mano e ci accompagna lungo le vie sconfinate e nascoste della mente, lì dove si cela la natura dell'uomo con i suoi desideri e le sue emozioni. Un intreccio di neuroni che racconta davvero chi siamo: "Noi siamo il nostro cervello, i nostri ricordi, le nostre memorie. La nostra mente vive una realtà privata, soggettiva, a volte imperscrutabile. Non so cosa sia più complesso, l'universo o il cervello, ma sono sicuro che indagare l'uno significa comprendere anche l'altro. Ecco perché continuo ad andare a caccia di ricordi". Una lettura sorprendente, alla scoperta dell'enigma che si cela nella mente di ognuno di noi.




Oggi 22 Aprile 2021 in libreria!!!

Buongiorno lettori, siamo già a metà settimana, ma le uscite libri continuano a deliziare la nostra mente e i nostri occhi. Seguitemi Attraz...