Lettori fissi

lunedì 31 dicembre 2018

Ultima uscita NPS Edizioni del 2018: "Il piccolo faro e il delfino Blu"

Ultima uscita NPS Edizioni del 2018: "Il piccolo faro e il delfino Blu"

Cari amici lettori, vi segnalo l'ultima uscita NPS Edizioni del 2018: "Il piccolo faro e il delfino Blu", racconto per bambini di Daniela Tresconi, che va ad arricchire la collana di letteratura per l'infanzia della NPS Edizioni.




Titolo: Il piccolo faro e il delfino Blu
Autore: Daniela Tresconi
Editore: NPS Edizioni
Genere: Letteratura per l’infanzia (dai 5/6 anni in su)
Formato: Cartaceo
Strillo: “Nella vita non conta essere alti, quello che conta è essere
 all’altezza”.


Il piccolo faro” si sente inutile, messo da parte dal fratello 
maggiore, moderno e più tecnologico. Vorrebbe girare il mondo, guidare a sé le grandi navi da crociera, invece è costretto a rimanere lì, su una scogliera ai margini del porto, chiedendosi se potrà mai dimostrare il suo valore. L’occasione arriva in una notte di tempesta…

Il delfino Blu

Blu è un delfino curioso, sempre in cerca di novità, attratto dalla 
vastità di ciò che lo circonda. Un giorno conosce Marco, un 
ragazzo solitario, preso in giro dai compagni, e dal loro incontro
 nascerà una splendida amicizia.
Due racconti di scoperta, crescita personale e amore per il mare.
 Contiene alcuni disegni da colorare, realizzati a mano dall’autrice.
Amicizia, voglia di conoscere e scoprire il mondo, amore per se stessi e per il mare, questi i valori a cui si è ispirata Daniela Tresconi per scrivere il suo nuovo libro “Il piccolo faro e il delfino Blu”, edito da NPS Edizioni.

Il volume racchiude due storie per bambini, in realtà valide a tutte
 le età: “Il piccolo faro”, un racconto di scoperta e di progressiva 
accettazione di sé, e “Il delfino Blu”, una storia di amicizia, tra un
 ragazzo e un delfino, due solitudini che si incontrano e danno vita a un universo di emozioni.



Recensione libro "Just a Crush" di Margherita Fray edito Delrai Edizioni, Amazon


Recensione libro

Just a Crush di Margherita Fray

Amazon

Just a Crush di [Fray, Margherita]


Scheda tecnica

TitoloJUST A CRUSH
                                   Autore: Margherita Fray
                                   Editore: Delrai Edizione
                                   Pubblicazione: 10 Settembre 2018
                                   Pagine: 480 
                                   Genere: Narrativa 
                                   Formato: Kindle, copertina flessibile



“Da qualche parte ci sarà sempre quella persona per cui non importa quello che fai, quello che sei, come ti vedi, per quella persona sarai il mondo intero e niente e nessuno potrà convincerla del contrario”.
Michelle, la nostra protagonista è apparentemente la ragazza perfetta.
Dopo un’infanzia problematica, ha trovato una famiglia affidataria che le ha regalato un po’ di serenità, e Cameron (ricordate l’affascinante professor Wilde vero?) forse la persona di cui si fida di più.
Lavora come segretaria presso uno studio medico, e al suo fianco c’è Dan, il classico fidanzato perfetto che la riempie di attenzioni e di continue certezze.
Molte di queste certezze però, vengono messe a dura prova quando, per un incarico datole da un medico del suo studio, conosce Alex, un ragazzo che va ancora al liceo, troppo giovane per essere considerato ma pericolosamente affascinante per essere ignorato.
Me ne ero dimenticata. Non di lui, non di averlo guardato, mi ero dimenticata che fosse sbagliato farlo.
Potrà Michelle mantenere un rapporto esclusivamente di lavoro con questo ragazzo?
Osservai con distacco il mio cervello fare un passo indietro, lasciarmi stare. Avrei potuto scuoterlo e chiedere l’aiuto di una mente lucida se avessi voluto, ma non volevo.
Resisterà al fascino e all’emozione del  proibito e all’apparenza sbagliato?
Meritava che io gli giurassi eterna fedeltà perché una cosa del genere non me l’avrebbe mai detta nessun altro. Avrei conosciuto tutti uomini più grandi e per nessuno di loro sarei stata altrettanto bella.
Dopo aver amato “Teach me”, non vedevo l’ora di leggere il suo atteso sequel; un libro scritto in maniera semplice, raccontato in prima persona dalla voce dolce e a tratti auto-ironica di Michelle.
La lettura è scorrevole e coinvolgente, il finale per niente scontato tanto che leggendo ne ho immaginati tanti e tutti diversi; insomma un libro di cui ho centellinato le pagine perché vi giuro, non  volevo finirlo.
E’ stato bello ritrovare alcune situazioni del libro precedente, che aiutano a risolvere dubbi e perplessità su come siano andate davvero a finire le cose.
Michelle è una ragazza vulcanica, sicura di sé e dà importanza alle persone che le sono accanto costantemente. L’incontro con Alex mina ogni sua certezza, facendole rimettere in gioco la sua vita e il suo rapporto con Dan.
Quindi, anche se nella nostra vita cerchiamo sempre il porto sicuro, non dimentichiamoci mai che in ogni momento, e in ogni occasione possiamo incontrare la persona o la situazione che “incasina” ma ci aiuta a capire cosa vogliamo veramente.
“Era bello vederlo ridere, era bello sempre, era bello tutto e io me lo sentivo stretto addosso. Un pezzo di cuore. Mi era sempre sembrata una cosa banale da dire, ma era calzante: parte di me e ogni volta che sorrideva tutto il resto di me era felice”.
Bellissimo il rapporto di Michelle con la sua famiglia affidataria in cui trova affetto, accoglienza e tutto quello di cui la madre naturale è stata carente.
Ma la cosa che più mi ha toccato il cuore, è la bellissima e unica amicizia tra Michelle e Cameron, le loro disavventure e la loro complicità fanno sorridere ed emozionano; penso al mio migliore amico e a quanto è bello vivere la stessa cosa insieme a lui. Sono sicura che non potrei mai farne a meno.
“Vicino a lui c’era sempre posto per me”.
Leggetelo! Emozionatevi e godetene dalla prima all’ultima pagina.
Grazie alla Delrai per l’ennesimo gioiellino che ho avuto la possibilità di leggere, spero che l’autrice non ci lascerà troppo tempo a digiuno dei suoi personaggi.

I libri più venduti della settimana sulle piattaforme online

I libri più venduti della settimana sulle piattaforme online

Nell'ultima classifica dell'anno, dei libri più venduti, ai primi posti, troviamo la quadrilogia di Elena Ferrante, dopo il successo della serie televisiva su Rai Uno, Edizioni e/o

1) L'amica geniale


L' amica geniale. Vol. 1 - Elena Ferrante - copertinaIl romanzo comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati. Si tratta di quel genere di libro che non finisce. O, per dire meglio, l'autrice porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto.


2) Storia del nuovo cognome, 2 Volume


"Capii che ero arrivata fin là piena di superbia e mi resi conto che - in buona fede certo, con affetto - avevo fatto tutto quel viaggio soprattutto per mostrarle ciò che lei aveva perso e ciò che io avevo vinto. Lei naturalmente se ne era accorta fin dal momento in cui le ero comparsa davanti e ora stava reagendo spiegandomi di fatto che non avevo vinto niente, che al mondo non c'era alcunché da vincere, che la sua vita era piena di avventure diverse e scriteriate proprio quanto la mia, e che il tempo semplicemente scivolava via senza alcun senso, ed era bello solo vedersi ogni tanto per sentire il suono folle del cervello dell'una echeggiare dentro il suono folle del cervello dell'altra". Ecco "Storia del nuovo cognome", secondo romanzo del ciclo de "L'amica geniale". Ritroverete subito Lila ed Elena, il loro rapporto di amore e odio, l'intreccio inestricabile di dipendenza e volontà di autoaffermazione.


3) Storia di chi fugge e di chi resta, 3 Volume


Elena e Lila, le due amiche la cui storia i lettori hanno imparato a conoscere attraverso "L'amica geniale" e "Storia del nuovo cognome", sono diventate donne. Lo sono diventate molto presto: Lila si è sposata a sedici anni, ha un figlio piccolo, ha lasciato il marito e l'agiatezza, lavora come operaia in condizioni durissime; Elena è andata via dal rione, ha studiato alla Normale di Pisa e ha pubblicato un romanzo di successo che le ha aperto le porte di un mondo benestante e colto. Ambedue hanno provato a forzare le barriere che le volevano chiuse in un destino di miseria, ignoranza e sottomissione. Ora navigano, con i ritmi travolgenti a cui Elena Ferrante ci ha abituati, nel grande mare aperto degli anni Settanta, uno scenario di speranze e incertezze, di tensioni e sfide fino ad allora impensabili, sempre unite da un legame fortissimo, ambivalente, a volte sotterraneo a volte riemergente in esplosioni violente o in incontri che aprono prospettive inattese.

4) Storia della bambina perduta, 4 Volume
Storia della bambina perduta (L'amica geniale Vol. 4) di [Ferrante, Elena]Le due protagoniste Lina (o Lila) ed Elena (o Lenù) sono ormai adulte, con alle spalle delle vite piene di avvenimenti, scoperte, cadute e “rinascite”. Ambedue hanno lottato per uscire dal rione natale, una prigione di conformismo, violenze e legami difficili da spezzare. Elena è diventata una scrittrice affermata, ha lasciato Napoli, si è sposata e poi separata, ha avuto due figlie e ora torna a Napoli per inseguire un amore giovanile che si è di nuovo materializzato nella sua nuova vita. Lila è rimasta a Napoli, più invischiata nei rapporti familiari e camorristici, ma si è inventata una sorprendente carriera di imprenditrice informatica ed esercita più che mai il suo affascinante e carismatico ruolo di leader nascosta ma reale del rione (cosa che la porterà tra l’altro allo scontro con i potenti fratelli Solara). Ma il romanzo è soprattutto la storia di un rapporto di amicizia, dove le due donne, veri e propri poli opposti di una stessa forza, si scontrano e s’incontrano, s’influenzano a vicenda, si allontanano e poi si ritrovano, si invidiano e si ammirano. Attraverso nuove prove che la vita pone loro davanti, scoprono in se stesse e nell’altra sempre nuovi aspetti delle loro personalità e del loro legame d’amicizia. Intanto la storia d’Italia e del mondo si srotola sullo sfondo e anche con questa le due donne e la loro amicizia si dovranno confrontare.


5) ... che Dio perdona a tutti di Pif, Feltrinelli

... che Dio perdona a tutti - Pif - copertina
Una storia divertente che si inserisce a pieno titolo nella tradizione della commedia italiana più trascinante e intelligente. Un romanzo che tocca in profondità temi importanti del nostro tempo. Arturo è un trentacinquenne, non ha ancora una fidanzata e fa l'agente immobiliare. Il suo principale obiettivo nella vita è mantenere immutato lo stato delle cose. Ha poche passioni che condivide con gli amici di sempre. La più importante e irrinunciabile è il cibo: famoso per la sua pignoleria gastronomica, gli amici spesso si fanno il segno della croce quando al ristorante è il suo turno di ordinare. Arturo ricambia la loro tolleranza, immolandosi come portiere per le partite di calcetto. Questa è la sua routine, fino al giorno in cui entra in scena Lei: la figlia del proprietario della pasticceria che fa le iris più buone di Palermo, il dolce preferito di Arturo. E in un istante diventa la donna dei suoi sogni. Sveglia, intraprendente, ma anche molto cattolica, Lei sulla religione ha la stessa pignoleria di Arturo sui dolci. È proprio così che lui la conquista, sostituendo l'uomo che ha il compito di interpretare Gesù durante una Via Crucis. Quel giorno è per Arturo un vero calvario, perché durante il tragitto si accorge di avere dimenticato qualsiasi nozione della religione cattolica e sbaglia tutto, dando vita a una rappresentazione ai limiti del blasfemo.

6) M. Il figlio del secolo di Antonio Scurati, Bompiani

M. Il figlio del secolo - Antonio Scurati - copertina


Il primo romanzo sul fascismo raccontato attraverso Benito Mussolini: il figlio di un secolo che ci ha reso quello che siamo. Lui è come una bestia: sente il tempo che viene. Lo fiuta. E quel che fiuta è un'Italia sfinita, stanca della casta politica, della democrazia in agonia, dei moderati inetti e complici. Allora lui si mette a capo degli irregolari, dei delinquenti, degli incendiari e anche dei "puri", i più fessi e i più feroci. Lui, invece, in un rapporto di Pubblica Sicurezza del 1919 è descritto come "intelligente, di forte costituzione, benché sifilitico, sensuale, emotivo, audace, facile alle pronte simpatie e antipatie, ambiziosissimo, al fondo sentimentale". Lui è Benito Mussolini, ex leader socialista cacciato dal partito, agitatore politico indefesso, direttore di un piccolo giornale di opposizione. Sarebbe un personaggio da romanzo se non fosse l'uomo che più d'ogni altro ha marchiato a sangue il corpo dell'Italia. La saggistica ha dissezionato ogni aspetto della sua vita. Nessuno però aveva mai trattato la parabola di Mussolini e del fascismo come se si trattasse di un romanzo. Un romanzo – e questo è il punto cruciale – in cui d'inventato non c'è nulla.



7) Becoming. La mia storia di Michelle Obama, Garzanti


Becoming. La mia storia - Michelle Obama - copertina

L’autobiografia intima e appassionante della First Lady degli Stati Uniti che ha ispirato il mondo
Con un inserto fotografico.
Becoming ci conduce in un viaggio dalle modeste cucine dell’Iowa alle sale da ballo di Buckingham Palace, tra momenti di indicibile dolore e prove di tenace resilienza, e ci svela l’animo di una donna unica e rivoluzionaria che lotta per vivere con autenticità, capace di mettere la sua forza e la sua voce al servizio di alti ideali. Nel raccontare con onestà e coraggio la sua storia, Michelle Obama lancia una sfida a tutti noi: chi siamo davvero e chi vogliamo diventare?


8) Cleopatra. La regina che sfidò Roma e conquistò l'eternità, di Alberto AngelaHarperCollins Italia


Cleopatra. La regina che sfidò Roma e conquistò l'eternità - Alberto Angela - copertina
Con il suo stile inimitabile, Alberto Angela è in grado di farci rivivere in prima persona il periodo che ha segnato un cambio epocale nella storia romana, dal racconto minuto per minuto dell'uccisione di Giulio Cesare che decreta la fine della Repubblica alla morte di Antonio e Cleopatra fino alla nascita dell'Impero con Augusto al potere. 


9) Il gioco del suggeritore, di Donato Carrisi, Longanesi

Il gioco del suggeritore - Donato Carrisi - copertina

La chiamata al numero della polizia arriva verso sera da una fattoria isolata, a una quindicina di chilometri dalla città. A chiedere aiuto è la voce di una donna, spaventata. Ma sulla zona imperversa un violento temporale, e la prima pattuglia disponibile riesce a giungere soltanto ore dopo. Troppo tardi. Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che lascia gli investigatori senza alcuna risposta possibile – soltanto un enigma. C’è un’unica persona in grado di svelare il messaggio celato dentro al male, ma quella persona non è più una poliziotta. Ha lasciato il suo lavoro di cacciatrice di persone scomparse e si è ritirata a vivere un’esistenza isolata in riva a un lago, con la sola compagnia della figlia Alice. Tuttavia, quando viene chiamata direttamente in causa, Mila Vasquez non può sottrarsi. Perché questa indagine la riguarda da vicino. Più di quanto lei stessa creda. Ed è così che comincia a prendere forma un disegno oscuro, fatto di incubi abilmente celati e di sfide continue. Il male cambia nome, cambia aspetto, si nasconde nelle pieghe fra il mondo reale e quello virtuale in cui ormai tutti trascorriamo gran parte della nostra vita, lasciando tracce digitali impossibili da cancellare. È un gioco, ed è soltanto iniziato. Perché lui è sempre un passo avanti. A dieci anni dall’esordio con il bestseller internazionale Il suggeritore, la sfida ricomincia…


10) Una storia di amore e di tenebra, di Amos Oz, Feltrinelli

Una storia di amore e di tenebra - Amos Oz - copertina
Amore e tenebra sono due delle forze che agiscono in questo libro, un'autobiografia in forma di romanzo, un'opera letteraria che comprende le origini della famiglia di Oz, la storia della sua infanzia e giovinezza a Gerusalemme e poi nel kibbutz di Hulda, l'esistenza tragica dei suoi genitori, e una descrizione epica della Gerusalemme di quegli anni, di Tel Aviv che ne è il contrasto, della vita in kibbutz, negli anni trenta, quaranta e cinquanta. La narrazione si muove avanti e indietro nel tempo, ricostruendo in 120 anni di storia familiare una saga che vede protagonisti quattro generazioni di sognatori, uomini d'affari falliti e poeti egocentrici, riformatori del mondo, impenitenti donnaioli e pecore nere.


sabato 29 dicembre 2018

Recensione libro "La landa delle strane idee" di Valeria Franco, Amazon


Recensione libro

La landa delle strane idee di Valeria Franco
Amazon

La Landa delle Strane Idee di [Franco Valeria]






Scheda tecnica

Titolo: La landa delle strane idee
Autore: Valeria Franco
Genere: Racconti 
Pubblicazione: 26 Novembre 2017
Formato: Kindle, copertina flessibile

Quando i più oscuri pensieri della quotidiana cronaca nera si sposano con il puro candore delle bianche pagine dalla loro unione nasce un figlio, la Trama.Essa è nera come l’animo del padre, l’Orrore, ma innocua come la consistenza della madre, la Carta.Se la Trama è davvero la figlia dell’Orrore e della Carta, questo semplice libro, come molti altri prima di esso, ne è solamente una conseguenza.




Il libro La landa delle strane idee è un libro di racconti onirici e quasi… metafisici. La giovane autrice ci accompagna in un viaggio introspettivo "nel mezzo del cammin"...della nostra anima e della nostra mente per giungere alla conoscenza della nostra zona più intima, nascosta ai "non addetti". Attraverso i suoi racconti, ci invita a guardare in noi stessi,  attraverso lo specchio invisibile del nostro inconscio e sub - inconscio. Siamo pronti ad un’analisi critica di noi stessi o siamo troppo snob e boriosi per metterci in discussione?
Sette racconti da leggere in due giorni circa, sia per la loro brevità che intensità; non riuscirete a staccarvi dalla lettura prima della fine.
Scrittura matura, nonostante la giovane età dell’autrice, lessico ricercato ed accurato; capacità comunicativa alta ed esplicativa. Vi siete mai chiesti qual è lo scopo di un libro di racconti ed il perché di questa scelta comunicativa, anziché scrivere un romanzo?
Un buon racconto, così come ci fu insegnato da ragazzi, per essere tale, dovrebbe avere una morale finale, non essere fine a se stesso, ma alla comunità dei lettori; ricordiamo i racconti di Charles Perrault e di Esopo ad esempio, che hanno accompagnato la fanciullezza di molti di noi. Scrivere dei racconti non è semplice; occorre possedere una buona capacità di sintesi e una forte empatia con il genere umano.  Valeria è riuscita a rispettare i canoni del genere e penso che sentiremo ancora il suo nome; io me lo auguro, in quanto il talento non dovrebbe essere sprecato o insabbiato, ma arrivare in cima… largo alla meritocrazia. 



Segnalazione libro: Numeri, Amore & Guai di recente pubblicazione dell'autrice Silvestra Sorbera, su Amazon e librerie



Segnalazione libro

In attesa della recensione, vi segnalo oggi l'uscita del romanzo Numeri, Amore & Guai di recente pubblicazione dell'autrice Silvestra Sorbera (di cui ho già recensito in passato altri romanzi) su Amazon e librerie.  



Numeri, Amore & Guai di [Sorbera, Silvestra]
PREZZO EBOOK: 0,99
PREZZO CARTACEO: 5,41
GENERE: Commedia Romantica
PUBBLICAZIONE : 25 Novembre 2018


Lei è un ingegnere. Lui anche.
Lei è ambiziosa e determinata. Lui pure.A lui piace comandare. A lei di più.Roberto e Claudia vivono a Roma, si conoscono, si scontrano, si odiano, si amano e poi si odiano di nuovo.Ce la faranno due calcolatori, poco inclini ai bisogni degli altri, a sopravvivere alla vita di coppia? 



Claudia Mastri: Trentenne romana, ingegnere elettronico, amante dei numeri, dei tacchi altri e degli orecchini vistosi. La sua vita è organizzata come un foglio exel, tutto deve combaciare e incastrarsi  a dovere.
Roberto Gritti: Quarant’anni, manager aziendale, amante del controllo. Poco empatico, ama lavorare e state in mezzo a numeri e dati. Ha molti master, ha girato il mondo e vuole che tutti facciano a modo suo. Nasconde un segrete
Carlos: Latino americano, titolare di una piadineria romagnola a Roma
Manuela: Estetista, migliore amica di Claudia. E’ il suo opposto, sbarazzina nella vita e con gli uomini.
Alberto: Ex collega di Claudia, innamoratissimo di lei ma, senza speranze.
Federica e Milena: Nuove e alquanto odiose colleghe di Claudia.
Umberto De Santis: Amico di Roberto, lo aiuta a combinare un guai.


Silvestra Sorbera, classe 1983, piemontese di origini siciliane, è una giornalista e autrice di racconti e romanzi. Per la serie “Il commissario Livia” ha pubblicato il racconto lungo “La prima indagine”  e il romanzo “I fiori rubati”.

Per la serie “Simone e la rana” ha scritto nel 2013 la favola  “Simone e la rana: viaggio nel bosco magico”e nel 2017 “Simone e la rana: viaggio nel castello stregato”.
Nel 2013 pubblica  il saggio letterario - cinematografico “La forma dell’acqua. Camilleri tra letteratura e fiction”.  Nel 2018 il saggio “L’Allieva tra letteratura e fiction”.
Nel 2014 pubblica i racconti “Vita da sfollati” e a seguire “Sicilia” e “La guerra di Piera”.
Nel 2016 il romanzo autobiografico “Diario per mio figlio”e  il romanzo “Sono qui per l’amore”.
Nel 2018 la commedia “Amiche per caso” insieme alla collega Mariantonietta Barbara.
Per contattarla scrivere alla mail: silvestra.sorbera@libero.it




venerdì 28 dicembre 2018

Ancora proposte da Les Flaneurs L'anno libroso di Les Flaneurs non finisce mai... ci presenta l'uscita di tre libri.

Ancora proposte da Les Flaneurs

L'anno libroso di Les Flaneurs non finisce mai... ci presenta l'uscita di tre libri.



Andiamo nel dettaglio...




Autore: Piero Fabris
Titolo: Novelle in granuli di sale. Sulle orme dei padri smarriti  
Data di pubblicazione: 31 dicembre 2018
Prezzo: € 10
Pagine: 108

Sinossi: Tra i vicoli della città vecchia e i tavolini di un caffè, fra le rive del mare e le camerate di una casa famiglia, fra le stanze di una vita agiata e le stradelle di un paese di provincia, i protago­nisti delle storie di Pietro Fabris – a metà fra cronaca e finzione – si muovono fra le onde del mare in burrasca in attesa di venti nuovi. Inseguendo figure paterne scomparse, evanescenti, com­plesse o semplicemente egoiste e distratte, questi figli cercano di addomesticare i loro tormenti alla ricerca della verità e del senso della propria esistenza, provando a nuotare controcorrente, conservando i ricordi sotto il sale o abbandonandosi al flusso delle acque calme.

L’autore: Piero Fabris, nato a Baudour (Belgio) nel 1965, è pittore e poeta. Appassionato di fiabe, miti, leggende e tradizioni popolari, trasferisce nella sua produzione artistica il frutto delle sue ricerche nel campo dei simboli. Ha pubblicato i racconti Gessetti per tratti incerti (1990) e Testa­persa. Dialogo con Rosaluna (1991) e più recentemente: La Rosa dei venti e il segreto del Monte­rosso (2010); il romanzo La Masseria delle Cinquanta Lune (2012); la raccolta di poesie Pigmenti D’Arpa. Sistole e Diastole (2013). Nel 2014 ha dato alle stampe monologhi per il teatro e altri rac­conti, pubblicati col titolo Inchiostrati sulla Lama del Rasoio e il romanzo Voglio togliere l’acqua del mare. Nel 2016 ha pubblicato una nuova raccolta di poesie dal titolo Tasselli in macchia arsa e sfumature di contrasto. È autore inoltre del volume Fiabe in sassi e salsedine ovvero il Tavoliere di fiabe e cicoria (2017) e del testo teatrale Rosa Hrand… agio dedicato al poeta armeno Hrand Nazariantz. Per Les Flâneurs Edizioni ha curato il testo Chiara Samugheo. Un’amazzone della fotografia (aprile 2017)







Autore: Davide Bottiglieri
Titolo:Le cronache di Teseo
Data di pubblicazione:22 dicembre 2018
Pagine: 92
Prezzo: € 5 (Collana Petit)
Sinossi: Una serie di sei racconti brevi che descrivono il mitologico viaggio di Teseo da Trezene ad Atene e il celeberrimo episodio lo vede confrontarsi con il minotauro, il tutto riproposto in chiave fantasy. Elementi tipici e atipici del genere quali incantesimi, evocazioni, pozioni, creature fantastiche della mitologia greca, ebraica e del folklore italiano non alterano i connotati della struttura del mito greco: gli Dei, i loro capricci e i giochi di potere conservano sempre un ruolo predominante e il Fato continua a essere un’entità cui è inutile sottrarsi. Tuttavia, il protagonista presentato in questa raccolta ha necessità di maturare come uomo e come guerriero per ogni fatica superata ed è questo il suo più grande punto di forza, nonché ciò che gli permette di valicare i limiti del tempo e dello spazio.

L’autore: Davide Bottiglieri (Salerno, 1992). Scrittore e poeta, vincitore del Premio Letteratura Italiana 2014 e del Premio Adriana Paulon (Sez. Giovani del Premio Internazionale “Un Solo Mondo”). Con la Les Flâneurs Edizioni pubblica nel 2016 una raccolta di racconti fantasy per ragazzi dal titolo Le Cronache di Teseo e, l’anno successivo, il suo romanzo d’esordio Omicidi in si minore, finalista – con altro titolo – del Concorso Lampi di Giallo 2016, vincitore del Premio Speciale della Giuria del Concorso Argentario 2018 e del Premio Autore del Premio Internazionale Holmes Awards 2018, finalista del Santucce Storm Festival 2018.















Autore: Anna Läubli
Titolo: Fidati e affidati. Il mio cammino di Santiago
Data di pubblicazione: 27 dicembre 2018
Pagine: 172
Prezzo: € 15

Sinossi: Il Cammino di Santiago… più di 800 chilometri da St. Jean Pied de Port, ai piedi dei Pirenei, per arrivare a Santiago di Compostela, alla tomba di San Giacomo. Da percorrere rigorosamente a piedi. In molti ogni anno lo intraprendono spinti dalle motivazioni più svariate: motivi religiosi, ricerca di sé o del senso della vita, voglia di mettere alla prova i propri limiti, semplice moda, desiderio di avventura… ogni pellegrino porta con sé la propria storia e ciò che lo ha spinto a compiere questo passo. Questo libro è il diario di viaggio, redatto giorno per giorno, di una donna che ha deciso di lasciarsi alle spalle per un mese la propria routine, la famiglia e le comodità della vita “civile” per vivere fino in fondo questa esperienza, oggi più che mai fuori dall’ordinario; un cammino alla scoperta non solo di spettacoli paesaggistici senza pari, meraviglie architettoniche e paesini dove il tempo sembra essersi fermato, ma anche di una dimensione di vita più umana e autentica, del tutto svincolata dalla frenesia e dagli egoismi della società moderna. Un racconto ricco di significato, e al tempo stesso una guida pratica piena di preziose informazioni per tutti i futuri pellegrini.

L’autore: Anna Läubli (1961) è nata a Locarno in Svizzera e cresciuta a Brissago. Quando si è sposata ha abitato per 32 anni a Cannobio, sempre sulle rive del Lago Maggiore dove ha cresciuto i suoi due figli Marco e Paolo. Attualmente risiede nuovamente a Locarno e oltre ad amare tutto ciò che conduce al camminare e alla natura, ama pure l’ONG Emergency di cui è volontaria da alcuni decenni.


Recensione libro Eterno di Maura Radice e Cristiana Meneghin

Recensione libro
Eterno di Maura Radice e Cristiana Meneghin



Eterno di [Cristiana Meneghin, Maura Radice]




Scheda tecnica

Titolo: Eterno
Autore: Cristiana Meneghin e Maura Radice
Formato: Copertina flessibile e Kindle
Genere: Giallo / Narrativa contemporanea
Pagine: 134
Pubblicazione: 16 Settembre 2018

Gioia ha quattro anni, è dolce, taciturna e sicuramente troppo piccola per ritrovarsi immersa nei continui litigi che coinvolgono i suoi genitori. Una calda mattina d’estate però la sua vita cambia: sua madre Sun scopre che il marito, Alessandro, un potente uomo d’affari, la tradisce, decide di lasciare la piccola in custodia a Sara, la sua migliore amica e partire alla volta dei Mondiali di Calcio del 2014.
Sun è di origini asiatiche e si è trasferita a Milano inseguendo Alessandro, il suo unico amore e padre di sua figlia Gioia. Quando scopre il tradimento del marito decide di dedicarsi una pausa partendo per il Brasile. Questa sua scelta sarà l’inizio di un incubo che la porterà molto vicino a perdere due delle persone più importanti della sua vita e coinvolgerà Fabrizio un giovane e affascinante italiano che ancora non ha deciso cosa sarà del suo futuro.

"Noi siamo questo, sempre pieno di speranze, con tantissime idee da sviluppare, con la forza di rinascere dalle disavventure e di sorridere ad ogni novità".
Eterno è un romanzo scritto a quattro mani e sprigiona tanta sensibilità nel trattare una tematica assai comune ma tanto devastante. E per renderla tale, hanno dato voce a Gioia, una bambina di quattro anni autistica, “vittima” dell’egoismo degli adulti,  di due genitori inconsapevoli che il loro atteggiamento irresponsabile nuoce alla loro bambina. Oggigiorno purtroppo, il tema divorzio e figli contesi è sempre più dilagante. Ma ci siamo mai chiesti, in che modo e con quale intensità, queste vicende vengono vissute dai figli piccoli? Le due autrici del romanzo se lo sono chiesto e hanno cercato di dare una risposta attraverso “Eterno". 
Che cosa indica il termine Eterno? Lo capirete leggendo il libro; cercherò di farvi intuire il messaggio che le autrici vorrebbero inviare a noi lettori. 
Padre violento e irresponsabile, madre succube, separazione, figli contesi, questo il perno fondamentale del romanzo. Gioia è chiusa in un mondo tutto suo, in cui è difficile comprendere i litigi e le urla degli adulti; in quel mondo considerato da noi esterni, grigio e spento, ma che per Gioia è un mondo colorato in “Eterno”: verde come la speranza, rosso come il sangue, arancione come l’amicizia, viola come la follia, nero come la paura, blu come l’adrenalina. Con la sua flebile voce, racconta in prima persona la storia della sua mamma Sun, innamorata del suo papà  Alessandro, un ricco imprenditore, che si trasforma da principe azzurro in “mostro”. Dopo l’ennesimo tradimento e l’ennesima violenza…
“perché non trova il coraggio di far finire tutto questo? Perché sopporta le amiche del papà? Perché subisce tutta la rabbia che il papà le fa provare? Perché non mi porta via da tutto questo? Perché permette a mio papà di farci caso?”
… Sun decide di riprendere in mano la sua vita e la felicità della sua bimba. Da questo momento, la furia e la vendetta di Alessandro, piomberà nelle loro vite. Fin dove si spingerà per farle ritornare a casa? Una storia che molto spesso si trasforma in realtà rendendoci partecipi di una continua strage. Ma il carnefice può anche diventare vittima di se stessa.
Lo svolgimento e l’epilogo della storia è assai sconcertante e terrificante, inaspettato, che ci porterà a riflettere sul vero significato dell’amore e sul quesito di Gioia:
 “ Chissà cos’è la felicità? Che odore ha? Per me deve profumare come le giornate di maggio, ma  forse no…”
Le due autrici usano un linguaggio semplice, “infantile” (perché raccontato in prima persona da una bambina), rendendo la lettura scorrevole, magica e riflessiva. I dialoghi interiori di Gioia, sono evidenziati in corsivo per staccare dal discorso indiretto del racconto e per rendere palese l’angoscia della bimba che delicatamente ci accompagna ad attraversare quella porta del suo mondo fantasma…
 E’ difficile stabilire a quale genere appartenga la storia, giallo, narrativa, di formazione… ma è un romanzo da leggere e “gustare”. Solo una piccola pecca ( a mio dire) da evidenziare alle autrici, che purtroppo noto frequentemente nei romanzi contemporanei: la bellezza del libro viene sminuita da titoli posti all’inizio di ogni capitolo. Mi sono sempre chiesta il perché di questa nuova tendenza e molto spesso ho anche posto la domanda agli stessi autori, la cui risposta però non mi ha fatto ricredere sul giudizio. Un buon romanzo, una storia scritta bene, come nel caso di Eterno, in cui il lettore riesce a “vivere” le stesse emozioni della protagonista per la loro intensità, deve essere fluido, non ha bisogno di essere “introdotto” da un titolo; la storia va da se, senza bisogno di "aiutini"; è come se mi togliessero la curiosità di proseguire nella lettura e mi considerassero non in grado di coglierne il significato. Autrici, pensateci per favore.
Lettura consigliata a tutti, uomini e donne, affinché vi aiuti a riflettere sull’importanza della vita e sul significato dell’amore, ma soprattutto a comprendere che l’essere genitori e l’essere coniugi, sono due ruoli completamente differenti; l’essere coniugi può terminare, ma l’essere genitori, durerà in ETERNO.


Recensione Libro "Malarte Di Gaia Mencaroni" edito Emersioni

Recensione Libro Malarte Di Gaia Mencaroni Emersioni Scheda tecnica Titolo : Malarte Autore : Gaia Mencaro...