Lettori fissi

venerdì 22 dicembre 2017

 
 
 SCHEDA TECNICA

 
Titolo: Come Dio Comanda
Autore: Niccolò Ammaniti
Editore: Einaudi
Pagine: 547
Pubblicazione: 17 Marzo 2015
Collana: Stile Libero big
Formato: Kindle; copertina flessibile; copertina rigida
 
Valutazione



Il romanzo di Niccolò Ammaniti, "Come Dio Comanda" è un romanzo di forte impatto psicologico ed umano in quanto tratta tematiche sociali alquanto complicate e difficili: parliamo di alcolismo, violenza, vita sregolata, rapporto difficile padre - figlio.
I protagonisti sono Rino e Cristiano, padre e figlio, che vivono soli e cercano di sopravvivere alla ben meglio vivendo una unicita' fatta di soprusi e violenza. Vivono a Varrano  e si potrebbe dire che Rino non sia un padre perfetto e non cerca di inculcare al figlio una vita sana...anzi...Cristiano sin da piccolo è succube e vittima delle violenze domestiche del padre sotto effetto d'alcool e costringe il figlio ad una condotta morale a dir poco discutibile.
"Un pugno. Uno piú forte. Un altro. La porta sussultava sui cardini, ma non si apriva. Rino era andato in camera, aveva preso la pistola e aveva sparato contro la serratura. Ma quella non si era aperta. Aveva solo prodotto un botto assordante che aveva rintronato Cristiano per mezz’ora.
Una cosa buona c’era stata: Cristiano aveva imparato che è una stronzata quella che si vede nei film, dove se spari alle serrature le porte si aprono.
Alla fine suo padre l’aveva presa a calci. L’aveva sfondata urlando e strappando pezzi di legno con le mani. Quando era entrato nel bagno aveva dato un pugno allo specchio e le schegge erano finite dovunque e lui si era aperto una mano ed era rimasto un sacco di tempo a sgocciolare sangue seduto sul bordo della vasca, fumandosi una sigaretta".
 I loro unici amici sono due balordi Quattroformaggi, rimasto segnato a seguito di un incidente avuto con l'alta tensione e Danilo Aprea, lasciato dalla moglie a seguito della perdita della loro bambina.
A causa di mancanza di soldi, Rino organizza una rapina ad un bancomat illudendosi di poter cambiare vita.
Ma non sempre i piani vanno secondo le tue prospettive.
 Gli avvenimenti della vita sono inaspettati e terribili e a pagarne le conseguenze sono sempre "le vittime sacrificali". 
La loro strada purtroppo viene percorsa da una giovane ragazza con un motorino che accoglie e fa sue le colpe di Rino... e molte vite vengono stravolte.
"Tu sei troppo giusto, Signore, perché io possa discutere con te; ma vorrei solo rivolgerti una parola sulla giustizia. Perché le cose degli empi prosperano? Perché tutti i traditori sono tranquilli? Tu li hai piantati ed essi hanno messo radici, crescono e producono frutto; tu sei vicino alla loro bocca, ma lontano dai loro cuori".
 
Ger 12,1-2
.Immagine correlata

Un libro a dir poco sconvolgente, in cui l'equilibrio psichico del lettore potrebbe subire degli scossoni. Non sempre le decisioni del padre vengono da me compresi e capiti; non sempre riesco a mettermi nei suoi panni.
Violenza dopo violenza, incomprensioni dopo incomprensioni; tanta rabbia e tanto dolore.
Le tematiche trattate da Ammaniti sono forti : alcool e violenza sessuale.
Anche il linguaggio usato dai personaggi non  è sempre pulito, anche se con poche bestemmie.  Ma trattasi di un linguaggio chiaro e diretto che colpiscono ed interrogano il lettore conducendolo alla riflessione.
I ricordi si affacciano al presente a seguito di scelte prese con forza e rabbia. 
Ma da tanta violenza e tanto dolore, ne scaturisce il perdono, un sentimento che circonda e racchiude tutto il romanzo, in una bolla di speranza e di Vita. Perdono del figlio nei confronti del padre; perdono del padre nei confronti della vita; perdono che nasce dalla violenza sessuale come un fiore appena sbocciato.
Varie sono le emozioni e le sensazioni scaturite dalla lettura di questo romanzo; sensazioni che non riesco a decifrare e a raccontare, ma che mi hanno lasciato addosso una bella sensazione scaturita alla fine della lettura. 

Gli darei piu' di 10 come voto, ma in base a cio' che la valutazione del blog richiede, dò cinque stelline.
Consiglio la lettura del romanzo a tutti coloro che amano le storie forti; a tutti coloro a cui non dà fastidio un certo tipo di linguaggio comune e popolare; a tutti quelli che credono nella redenzione e nel perdono; a tutti coloro che credono che dall'inferno si potrebbe risalire al Paradiso solo credendo a qualcuno o a qualcosa di superiore a noi.
Buona lettura
 
RECENSIONE SCRITTA DA LA CHICCA


















Recensione: Come Dio Comanda di Niccolò Ammaniti

 
 
 SCHEDA TECNICA

 
Titolo: Come Dio Comanda
Autore: Niccolò Ammaniti
Editore: Einaudi
Pagine: 547
Pubblicazione: 17 Marzo 2015
Collana: Stile Libero big
Formato: Kindle; copertina flessibile; copertina rigida
 
Valutazione



Il romanzo di Niccolò Ammaniti, "Come Dio Comanda" è un romanzo di forte impatto psicologico ed umano in quanto tratta tematiche sociali alquanto complicate e difficili: parliamo di alcolismo, violenza, vita sregolata, rapporto difficile padre - figlio.
I protagonisti sono Rino e Cristiano, padre e figlio, che vivono soli e cercano di sopravvivere alla ben meglio vivendo una unicita' fatta di soprusi e violenza. Vivono a Varrano  e si potrebbe dire che Rino non sia un padre perfetto e non cerca di inculcare al figlio una vita sana...anzi...Cristiano sin da piccolo è succube e vittima delle violenze domestiche del padre sotto effetto d'alcool e costringe il figlio ad una condotta morale a dir poco discutibile.
"Un pugno. Uno piú forte. Un altro. La porta sussultava sui cardini, ma non si apriva. Rino era andato in camera, aveva preso la pistola e aveva sparato contro la serratura. Ma quella non si era aperta. Aveva solo prodotto un botto assordante che aveva rintronato Cristiano per mezz’ora.
Una cosa buona c’era stata: Cristiano aveva imparato che è una stronzata quella che si vede nei film, dove se spari alle serrature le porte si aprono.
Alla fine suo padre l’aveva presa a calci. L’aveva sfondata urlando e strappando pezzi di legno con le mani. Quando era entrato nel bagno aveva dato un pugno allo specchio e le schegge erano finite dovunque e lui si era aperto una mano ed era rimasto un sacco di tempo a sgocciolare sangue seduto sul bordo della vasca, fumandosi una sigaretta".
 I loro unici amici sono due balordi Quattroformaggi, rimasto segnato a seguito di un incidente avuto con l'alta tensione e Danilo Aprea, lasciato dalla moglie a seguito della perdita della loro bambina.
A causa di mancanza di soldi, Rino organizza una rapina ad un bancomat illudendosi di poter cambiare vita.
Ma non sempre i piani vanno secondo le tue prospettive.
 Gli avvenimenti della vita sono inaspettati e terribili e a pagarne le conseguenze sono sempre "le vittime sacrificali". 
La loro strada purtroppo viene percorsa da una giovane ragazza con un motorino che accoglie e fa sue le colpe di Rino... e molte vite vengono stravolte.
"Tu sei troppo giusto, Signore, perché io possa discutere con te; ma vorrei solo rivolgerti una parola sulla giustizia. Perché le cose degli empi prosperano? Perché tutti i traditori sono tranquilli? Tu li hai piantati ed essi hanno messo radici, crescono e producono frutto; tu sei vicino alla loro bocca, ma lontano dai loro cuori".
 
Ger 12,1-2
.Immagine correlata

Un libro a dir poco sconvolgente, in cui l'equilibrio psichico del lettore potrebbe subire degli scossoni. Non sempre le decisioni del padre vengono da me compresi e capiti; non sempre riesco a mettermi nei suoi panni.
Violenza dopo violenza, incomprensioni dopo incomprensioni; tanta rabbia e tanto dolore.
Le tematiche trattate da Ammaniti sono forti : alcool e violenza sessuale.
Anche il linguaggio usato dai personaggi non  è sempre pulito, anche se con poche bestemmie.  Ma trattasi di un linguaggio chiaro e diretto che colpiscono ed interrogano il lettore conducendolo alla riflessione.
I ricordi si affacciano al presente a seguito di scelte prese con forza e rabbia. 
Ma da tanta violenza e tanto dolore, ne scaturisce il perdono, un sentimento che circonda e racchiude tutto il romanzo, in una bolla di speranza e di Vita. Perdono del figlio nei confronti del padre; perdono del padre nei confronti della vita; perdono che nasce dalla violenza sessuale come un fiore appena sbocciato.
Varie sono le emozioni e le sensazioni scaturite dalla lettura di questo romanzo; sensazioni che non riesco a decifrare e a raccontare, ma che mi hanno lasciato addosso una bella sensazione scaturita alla fine della lettura. 

Gli darei piu' di 10 come voto, ma in base a cio' che la valutazione del blog richiede, dò cinque stelline.
Consiglio la lettura del romanzo a tutti coloro che amano le storie forti; a tutti coloro a cui non dà fastidio un certo tipo di linguaggio comune e popolare; a tutti quelli che credono nella redenzione e nel perdono; a tutti coloro che credono che dall'inferno si potrebbe risalire al Paradiso solo credendo a qualcuno o a qualcosa di superiore a noi.
Buona lettura
 
RECENSIONE SCRITTA DA LA CHICCA


















Recensione: Arabesque di Alessia Gazzola



SCHEDA TECNICA
 

Titolo: Arabesque
Autore: Alessia Gazzola
Serie: L'Allieva
Pagine: 349 pagine
Editore: Longanesi
Pubblicazione:13 novembre 2017
Collana: La Gaja scienza
 
Valutazione
 
 


Tornano le indagini della dottoressa Allevi ,che ritroviamo finalmente una specialista in medicina legale. Riuscirà una pasticciona come lei a risolvere il suo primo caso autonomamente?

Alice Allevi è una promettente specializzanda di medicina legale, scelta dettata dalla paura di affrontare ogni giorno la sofferenza umana. La sua tenacia e cocciutaggine, le permettono di  raggiungere il suo obiettivo nonostante le continue prove a cui la tremenda “Wally”, (una delle professoresse più severe del suo corso) la sottopone, e nonostante il suo amore segreto per l'affascinante Claudio Conforti detto CC, il suo mentore.
Ma Alice è dotata anche di un’innata curiosità per il crimine e le indagini, perciò molto spesso tende a collaborare con la polizia e a sentirsi coinvolta in molti casi in cui viene chiamata a risolvere all'interno dell’istituto di medicina legale.
Nel romanzo, l'autrice Alessia Gazzola, ci presenta una Alice stressata e carica di responsabilità; stressata a causa dell'abbandono da parte del suo fidanzato; carica di responsabilità in quanto per la prima volta, non essendo più allieva, ma specializzata, si ritrova ad essere responsabile di un caso e allo stesso tempo  ad indagare sull’omicidio di un’insegnante di danza classica.
Alice si getta a capofitto nell’indagine coadiuvata dal fido Calligaris, diventato ormai vicequestore e dalla vicinanza di CC che non riesce a starle lontano e continua ad assicurarle il suo aiuto.
Stranamente, accanto al dottor Conforti, Alice ritrova un pizzico di serenità e lo slancio per affrontare il lavoro e la vita di ogni giorno.
Ci sarà finalmente un futuro tra due persone così diverse tra loro?
Riuscirà Alice a fare brezza finalmente brezza nel cuore di CC?

"CC non lo guarda neanche più, perché adesso sta fissando me, in quel suo modo così persistente da farmi sentire sempre più piccola.
 «Buongiorno, dottoressa Allevi.»
«Claudio...» mi sembra di balbettare. Non ero pronta a rivederlo.
«Ho pensato che potesse servirti un po’ di aiuto. Ma forse mi sbaglio?»
«Sì. Mi serve» ammetto.
In questo momento è come se si fosse materializzata l’essenza stessa della felicità.
«Allora resto?» Lo chiede per farselo dire, è ovvio.
Annuisco e sul bel viso da canaglia si dipinge un certo compiacimento.
«Mezzasalma, mi porti un camice.» "
Risultati immagini per IMMAGINI ALICE ALLEVI

"Arabesque", fa parte della serie "L'Allieva", una serie molto piacevole e simpatica, che  attira il lettore, lo diverte ma nello stesso tempo suscita  molta attesa e suspense. Quindi un  tra libro tira l’altro.
Il romanzo è scritto in maniera semplice e lineare; racconta la storia di una ragazza dei nostri giorni; Alice potrebbe essere ciascuna di noi , infatti la sensazione suscitata in me durante la lettura  è quella  di vivere le avventure di Alice in prima persona, in maniera molto realistica, emozionandomi e impegnandomi insieme a lei durante le indagini.
Ciascun capitolo, inizia con brevi citazioni tratte da poesie o da film che anticipano il contenuto del capitolo.
Alice è una combina guai, la distrazione fatta persona, ma nonostante questo , ha un grande cuore di cui si serve in tutte le sue azioni; non smette mai di credere nella giustizia e nel vero amore.
Alice ha tanto di me ed io ho tanto di lei. 
Consigliato a tutti coloro che amano divertirsi leggendo; a tutti coloro che amano emozionarsi ; a tutti coloro che credono ancora nella giustizia e nell'amore come condizione fondamentale per vivere; a tutti coloro che amano seguire i romanzi racchiusi in  serie; a chi vuole immergersi in una simpatica avventura; a chi non ha ancora trovato il suo CC... non arrendetevi, sono sicura, che da qualche parte ci sta aspettando!!!!!
L’autrice non mi delude mai, ma ora, mi sento orfana di Alice Allevi; spero e mi auguro che Alessia Gazzola , non mi farà attendere troppo per la prossima avventura!

Consiglio la lettura dei libri da leggere in ordine di uscita…

RECENSIONE SCRITTA DA SARA MASTRANTONI

LA SERIE COMPLETA


1) L'ALLIEVA 9 GENNAIO 2011

2) UN SEGRETO NON E' PER SEMPRE 19 APRILE 2012

3) LE OSSA DELLA PRINCIPESSA 15 GENNAIO 2015

4) UNA LUNGA ESTATE CRUDELE 29 GENNAIO 2015

5) SINDROME DA CUORE IN SOSPESO 12 MAGGIO 2016

6) UN PO' DI FOLLIA IN PRIMAVERA 26 SETTEMBRE 2016

7) ARABESQUE 13 NOVEMBRE 2017


REGALATE O REGALATEVI UN BUON LIBRO PER NATALE!!!

mercoledì 20 dicembre 2017

Spazio nuovi autori , Recensione: Adesso apri gli occhi di Ornella De luca


SCHEDA TECNICA


Titolo: Adesso apri gli occhi
Autore: Ornella De Luca
Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform
Pubblicazione: 27 Ottobre 2017
Pagine: 372
Formato: Kindle ; copertina flessibile

Valutazione

La passione per la scrittura di Diana e l' amore per la musica di Homer,una vecchia casa coloniale, un passato misterioso uniranno i due giovani protagonisti, ma delle bugie e alcuni segreti minacciano il loro rapporto.

Diana Greco è partita dalla sua adorata Messina  destinazione Massachusset, per seguire un master di Scrittura Creativa alla Boston  University e diventare una scrittrice , come ha sempre desiderato.
Homer è un ragazzo solitario,cieco dalla nascita,la sua vita e' stata segnata dall' abbandono dei genitori, e anche in eta' adulta,vive ancora nell'orfanotrofio,con alcuni amici,orfani come lui.Con la sua passione per la musica,riesce a sbarcare il lunario suonando per le strade di Boston e le sue canzoni riescono a conquistare il cuore di Diana.
Ogni mattina lei e' seduta ai tavoli di uno Starbucks e si lascia ispirare per la stesura del suo romanzo, dalla melodia del giovane musicista, pur non sapendo niente di lui. Chi è quel giovane? Perché non ha mai incrociato il suo sguardo nascosto  dietro un paio di lenti scure?
Risultati immagini per IMMAGINI AMICIZIA

Questo romanzo ci racconta la storia di Diana e Homer,due vite differenti, due storie differenti, ma, come si suol dire, mai fermarsi alle apparenze, ma andare oltre i pregiudizi perchè con il trascorrere del tempo, così come accade ai due protagonisti del romanzo,  ci renderemo conto di quanto invece si possa essere simili.
Diana e Homer si incontrano svariate volte perchè il destino vuole unire due anime così diverse tra loro.
Lei, una ragazza posata con grandi prospettive future; lui un artista di strada nonostante la sua invalidità visiva. 
 L'autrice Ornella De Luca, non racconta solo una storia d'amicizia e d'amore, ma una storia che si tinge  di mistero e dolore,che riguarda il passato di entrambi i protagonisti.
Un mix di emozioni, ma soprattutto tratta due tematiche fondamentali: l'emigrazione dei ragazzi dal Sud verso paesi lontani e la disabilità.

 "Il Marrone è caldo come la prima volta che dormi con il piumone all' inizio della stagione fredda.
Caldo come le castagne cotte sulla brace.
Caldo come il caffe' al bar.
“Allora devi avere capelli bellissimi,io adoro il caffe'.
E il rosso come e'”.

Diana diventerà gli occhi che Homer non ha, sarà la sua vista, i suoi colori, le sue giornate luminose; Homer aiuterà Diana a lasciarsi andare e a capire quali siano i veri valori della Vita. 
Entrambi hanno qualcosa da donare all'altro che si incastra come un puzzle nelle loro vite.
E' un romanzo di solidarietà, di amicizia che dovrebbe essere letto da tutti i giovani , affinchè superino le barriere psicologiche che hanno nei confronti della disabilità.
Tutti noi siamo disabili in qualcosa; chi nel fisico , chi nella mente; possiamo quindi aiutarci l'un l'altro a conoscere la vita e a come affrontarla.
Solo attraverso la comprensione, possiamo oggi superare e sconfiggere i gravi casi di bullismo di cui i ragazzi "diversamente abili" , come a me piace chiamarli, sono purtroppo vittime.
La conoscenza supera l'ignoranza e romanzi come questo scritto dalla nuova autrice Ornella, potrebbe aprire la strada alla conoscenza. La speranza è l' elemento caratteristico di questo romanzo.
"Adesso apri gli occhi" e' un romanzo New Adult, il primo volume della serie The Orpanhange,che segue le vicende dei 5 amici rimasti orfani in Villa Sullivan; ma nonostante il genere, non si riscontrano scene erotiche spinte ne linguaggio volgare. Le scene presenti d'amore sono descritte con tanto romanticismo da far tenerezza. Anche in questo devo dare grande merito all'autrice.
Mi e' piaciuto lo stile semplice e scorrevole,che rende la narrazione piacevole,anche se in alcuni punti la storia andava approfondita di piu'.
Consiglio questo libro,agli amanti delle storie a lieto fine.
 
BUONA LETTURA!
 
 Recensione scritta da Lentinio Rosa Maria




 Fare click sull'immagine per il link offerta

Spazio nuovi autori, recensione: Nugae di Marika Carolla


SCHEDA TECNICA
 
Titolo: Nugae
Autore: Marika Carolla
Editore: Aletti Editore
Pagine : 51
Data pubblicazione: 26 Maggio 2017
Formato:Kindle; copertina flessibile
Genere: Poesia, letteratura.
 
Valutazione
 
 

Che cos'è la poesia se non canto di ciò che non deve finire?
 Quasi un rito di resurrezione , quasi la speranza stessa che tutto si possa sempre rinnovare, mettendosi al servizio della bellezza fragile del mondo.
Alessandro D'Avenia
 
Ed eccomi qui  a recensire un libro di poesie non con poche difficoltà. In realtà, non è la prima volta che mi accade, ma è come se lo  fosse , in quanto la poesia a differenza di un romanzo, rappresenta l’anima dell’autore, il suo inconscio, le sue fragilità. Da qui nasce la difficoltà: interpretare l’ anima di qualcuno con il rischio di “violentare” la sua coscienza e la sua fragilità.
Spero di non turbare molto l’anima di Marika Carolla che ringrazio per la sua pazienza nell’aver tanto atteso.
Il libro già dal titolo, “Nugae”,  richiama grandi poeti dell'età antica ( Catullo, Orazio, per finire a Petrarca), che per primi hanno utilizzato questo termine latino per indicare delle composizioni letterarie a cui neanche l’autore riesce a dar peso. In questo caso Marika, secondo la mia interpretazione, lo usa per indicare l'inutilità del mondo in cui viviamo perché privo di valore.
 Il libro è composto da 37 poesie donate su 51 pagine.
Scrivo brevemente una piccola analisi sintattica e linguistica delle poesie.
Marika usa una metrica libera in quasi tutte le composizioni  e solo sporadicamente possiamo ritrovare una rima baciata.
Per onestà nei confronti dell’autrice e dei lettori, vi confesso la mia predilezione nei confronti delle poesie con una metrica baciata e alternata; ma comprendo la scelta stilistica dell’autrice.
A livello linguistico ritroviamo alcune figure retoriche :
-enjambement

(“i colori avevano cessato di

 adornare il prato”);

 

 -antitesi (“mente vuota forse piena”);
-preterizione
(“Se solo per una volta
riuscissi ad apprezzare
piuttosto che ridimensionare...”)
- anafore interne ed esterne
 (Se solo, se solo...
se solo realmente amassi);
- metafore
(E credo in sogni più grandi
che vanno nutriti come fiori d’inverno,
come uccelli appena nati);
- inversioni (infondi il tuo profumo).
Un piccolo libricino che rappresenta una denuncia del sistema in cui siamo costretti a vivere; sistema politico che non premia la meritocrazia, ma distrugge il futuro e le speranze dei nostri giovani; la caduta dei valori primordiali come l’amore , il rispetto e l’amicizia sostituiti dal narcisismo e dalla lotta di potere che inaridiscono il cuore della gente.
“Il cancro della società” come Marika lo definisce da cui non si guarisce se non lo si vuole realmente, ma dilaga sempre più e conduce le genti alla morte del cuore e all’impoverimento dell’anima.
I versi di Marika urlano rabbia e sgomento:
“Non siamo la generazione del progresso,
bensì quella dell’impoverimento,
della decadenza morale,
dell’assenteismo politico.
Una di quelle senza sogni,
lavoro,
priva di senso”.
Ma la soluzione esiste per rialzarsi da questo torpore, non è arrendersi agli eventi, ma reagire e guardare al di là della siepe , così come disse anche il grande Giacomo Leopardi , la cui lettura ha accompagnato me per tante notti. Il filo conduttore è l’amore: l’amore per se stessi, l’amore per l’amicizia, l’amore per la vita.
Dobbiamo aggrapparci all’amore; tutti abbiamo bisogno di ricevere e dare amore; di ricevere un abbraccio e una pacca sulla spalla. L’amore, in tutte le sue forme e le sue sfumature,  ci permetterà di guardare oltre la barriera dei pregiudizi e dei preconcetti; di guardare al di là del nostro orizzonte perché là c’è la Vita, la speranza e il futuro.
Arriva Natale, vi consiglio di regalare un libro di poesie, perché leggere le poesie aiuta a guardare oltre la "prospettiva" e a lottare per raggiungere quel traguardo fondamentale della vita di ciascuno di noi.
 
BUONA LETTURA
 
 
 
 


Cliccate sull'immagine per ottenere il link informazioni

martedì 19 dicembre 2017

Recensione: La ragazza nell'ombra di Lucinda Riley



SCHEDA TECNICA
 
Titolo: La ragazza nell'ombra
Autore: Lucinda Riley
Serie: 3 volume della serie "Le sette sorelle"
Editore: Giunti
Pagine: 467
Pubblicazione: 4 Gennaio 2017
Formato: Kindle; copertina flessibile
 
Valutazione
 




Star è la terza sorella delle sei, adottata dal magnate Pa’ Salt.
Star è molto silenziosa, timida e difficile da comprendere. Ama la cucina e la letteratura, ma ha sempre vissuto sotto l’ombra della sua quarta sorella, Cece esattamente il suo opposto: esuberante ma tanto legata alla sorella. Hanno sempre vissuto “in simbiosi”, a tal punto da inventare un nuovo linguaggio dei segni compreso solo da loro.
Star è accondiscendente nei confronti della sorella; accetta e appoggia ogni sua scelta , come quella di lasciare tutto per seguirla a Londra ed aiutarla a realizzare  i suoi sogni e farli  diventare realtà .
Il loro sogno di vivere insieme si avvera. Ma la sua vita cambia drasticamente con l’arrivo della notizia della morte di Pa’ Salt. Qualcosa in lei è cambiato: lo spirito di dominio di Cece incomincia a starle stretto e il loro rapporto cambia visione e prospettiva .
Decide di ritrovare se stessa e la sua strada interrotta.
Decide di seguire gli indizi lasciati da Pa’ Salt dopo la sua morte e andare alla ricerca delle proprie origini, scoprire chi sia in realtà e chi c'è dietro la sua nascita.
La prima traccia lasciata dal padre adottivo è la vecchia libreria antiquaria Arthur Morston Books, a Londra.
Inizia la ricerca con la sola compagnia di una statuetta raffigurante un gatto nero e la lettera lasciatale dal padre; si tufferà nella storia appassionante e travagliata della sua antenata, Flora MachNichol, vissuta quasi 100 anni prima.
Riuscirà a trovare i suoi passi senza sua sorella CeCe?
Riuscirà ad essere finalmente felice realizzando le sue aspirazioni e non vivendo all'ombra di nessuna sorella?
Riuscirà a riflettere di luce propria?



"La ragazza dell’ombra" è il terzo libro della lunga saga di Lucinda Riley. Come i due libri precedenti, la scrittrice mette in mostra la sua “insaziabilità” nella cultura dei diversi paesi. In questo caso, Londra prima e dopo, con le sue varie trasformazioni avvenute in tutti campi.
Lucinda continua a mettere in risalto la tematica "dei matrimoni d’interesse" che non solo si svolgevano nella grande Londra del 1900, ma anche in altri paesi.
Ci  parla dell’amore, del vero amore  non racchiuso in un matrimonio, ma anche in rapporti extra-coniugali che è bensì più forte dell’altro: amore - passione anche in personaggi importanti come re e regine.
Ma in questo libro è  soprattutto fondato sull’amore familiare tra due sorelle, nonostante i segreti nascosti.
"Ovviamente noi esseri umani siamo come semi"
 aveva detto Pa’ con un sorriso mentre, con il mio innaffiatoio da bambini, gli pulivo le mani dalla torba.
"Con il sole e la pioggia… e l’amore, abbiamo tutto ciò che ci serve".
Segreti che  Flora, la sorella più grande, scoprirà solo col tempo.
 Il linguaggio utilizzato è molto leggero, fruibile, senza appesantimenti e parole “volgari”che rendono la lettura appassionante e scorrevole.
Terzo libro e terzo innamoramento a prima vista.
Ho ammirato il coraggio di Star e la sua tenacia nel passare "dalla luce all’ombra" e la voglia di modellare e ricostruire la sua vita.
Ho molti tratti in comune con Star, tra cui la passione per i libri ( nata in me piano piano nel corso degli anni) e la timidezza nell'affrontare la mia realtà .

Una stanza senza libri è come un corpo senz’anima
 
 
Ho terminato con "La ragazza nell'ombra", i romanzi della saga pubblicati in Italia. Aspetto con ansia il 3 gennaio l'uscita del quarto libro della serie “La ragazza delle perle” in cui protagonista è proprio la quarta sorella, CeCe. La particolarità di Lucinda Riley è proprio quello di annunciare nel romanzo in lettura, la sorella a cui il romanzo sequel sarà dedicato. In questo modo, il lettore, viene già trasportato nella lettura successiva e coinvolto in una nuova avventura e magia.
Non vedo l’ora di leggerlo e recensirlo naturalmente.
Nel frattempo, iniziate a leggere questo terzo romanzo e se ancora non lo aveste fatto, i due romanzi precedenti. Non ve ne pentirete. Forza, il e Gennaio è alle porte ormai.
Buona lettura!


 




- Le sette sorelle 2 Gennaio 2015      ( recensione nel blog)                              


  Ally nella tempesta 4 Gennaio 2016  ( recensione nel blog)



- La ragazza nell'ombra 4 Gennaio 2017 ( recensione nel blog)




- La ragazza  delle perle 3 Gennaio 2018





Risultati immagini per la ragazza nell'ombra

Recensione Libro "Malarte Di Gaia Mencaroni" edito Emersioni

Recensione Libro Malarte Di Gaia Mencaroni Emersioni Scheda tecnica Titolo : Malarte Autore : Gaia Mencaro...