Lettori fissi

sabato 21 settembre 2019

Recensione libro "Al di là dei tuoi occhi" di Paola Serra


Recensione libro

Al di là dei tuoi occhi di Paola Serra


L'immagine può contenere: una o più persone e testo


Scheda tecnica
TitoloAl di là dei tuoi occhi: L'inizio del viaggio 

Serie: #1Volume The Munsee Series

Autore: Paola Serra
EditoreIndependently published
Genere: Romanzo rosa
Pubblicazione: 12 Settembre 2019
Pagine: 246
Formato: Kindle e copertina flessibile

Ci sono volte in cui voltarsi indietro fa ancora paura. Ci sono volte in cui vorresti che il passato restasse tale. Quelle in cui ti ritrovi “costretto” a tornare nei luoghi della tua infanzia non sapendo bene cosa aspettarti.Sono questi i timori che affiggono Noah nel suo viaggio verso casa, nella cittadina selvaggia di Hulett, dopo un'assenza durata ben cinque anni.È lì che ha lasciato una parte di sé: tra le catene montuose e “presso il grande fiume calmo”, tra le praterie e gli arbusti, tra i ranch e i cavalli, tra nuovi e vecchi amici mai dimenticati. E sarà lì che ritornerà per scoprire cosa nasconde la sua Beck: un'amica, una confidente, la sua metà perfetta.Un rapporto indissolubile, un'amicizia pura e sincera messa a dura prova da una partenza improvvisa.Ma come spesso accade nel distacco, molte cose sono cambiate, loro non sono più gli stessi: Rebecca schermata dietro i suoi muri invalicabili e con tanta rabbia da esternare; Noah, con una vita altrove, ritrova ferite che credeva aver metabolizzato. Riusciranno a ritrovare l'uno negli occhi dell'altra quella complicità smarrita, quella fiducia perduta, quell’anima affine che riusciva a leggergli dentro al primo sguardo?Riusciranno a riconoscersi accantonando il passato e scrutando il domani con nuove aspettative? Benvenuti in Wyoming, benvenuti nella loro realtà.
Al di là dei tuoi occhi è il primo romanzo della serie scritto da Paola Serra ed è un viaggio nei sentimenti di Beck e Noah, Jo e Sara e di tutti i protagonisti che ruotano e si avvicendano nella storia. Un viaggio nei sentimenti che fluisce attraverso l’empatia dai personaggi al lettore. Tramite Beck e il suo dolore, ci troveremo ad affrontare le nostre paure, le nostre fragilità che innalzano delle barriere di protezione nei confronti della vita e di chi ci ruota intorno. Per annullare il dolore, chiudiamo la porta ai sentimenti e alle relazioni, convinte che lasciando quel dolore oltre la porta, riusciremo a vivere o meglio a sopravvivere nel migliore dei modi. Beck dopo varie vicissitudini, vive la morte come se fosse un abbandono; come se le persone care hanno deciso di allontanarsi da noi volontariamente, colpevolizzando se stessa e sviluppando rancore nei confronti di colui/colei che è andato/a via. Beck è fredda, priva di emozioni e di sentimenti; una statua viva col cuore di ghiaccio. 
"Tutti se ne vanno! Le persone che contano.Mi lasciano. Sempre. Vuoi sapere con chi sono arrabbiata? ...Vuoi sapere come mi sento? Vuota! Mi sento vuota e inutile. Bloccata come se la vita che sto vivendo non fosse reale. Non può essere reale..."
Noah, il suo amico d’infanzia, sfuggito al piccolo paesino di Hulett dopo la tragica morte del padre, per rifugiarsi nella grande New York, ritorna improvvisamente dopo 5 anni in suo soccorso; un aiuto non da lei richiesto e da quel momento quel suo precario equilibrio costruito da alte mura, inizia a vacillare. L’impresa di Noah è ardua; molto difficile aiutare chi non vuol essere aiutato; aprire le braccia a chi non sosterrà il nostro abbraccio; cercare chi ci rifiuta.
"Occhi negli occhi.Viso a viso. Rabbia contro rabbia. Non si sarebbe fermato. Non quella volta"
Un altro aspetto da sottolineare nel romanzo è il nostro sentirci a casa, l’appartenenza ad un luogo, ad un oggetto che vien a vacillare nel momento in cui ci si allontana da quel luogo e da quell’oggetto per poi ritrovarsi successivamente. Chi siamo noi in realtà e dove la nostra casa? Dove ci sentiamo veramente a casa? Dubbio che attanaglia Noah e si risveglia dopo 5 anni.
"Quanti pomeriggi aveva trascorso sotto quel portico di legno...tutto si trovava ancora lì, esattamente al proprio posto..."
Tutto il romanzo si articola in questo “fuggi fuggi dalle responsabilità”; in questo prendersi e lasciarsi; in questa corsa impari verso la vita. La penna di Paola Serra, emoziona, fa riflettere e muove quelle corde dell’anima che vibrando, producono un suono aspro, greve, doloroso; leggendo la sofferenza di Beck, il cuore e gli occhi lacrimano e ci si immedesima. Quanti di noi non hanno il cuore dilaniato dal dolore per la morte di un nostro caro? Quanti di noi si rendono colpevoli o responsabili di tutto ciò? Cammineremo accanto a Beck, l’accompagneremo lungo questo viaggio doloroso della sua anima, e forse insieme ne usciremo vittoriosi; perché l’amore non solo muove il mondo ma tutta la nostra esistenza. E’ bello rinascere ed aprire “quella porta chiusa” alla vita, far entrare i raggi del sole e farci irradiare il viso.
"La bambina sta diventando una splendida donna ,decisa,indomita. Una vera guerriera,una combattente, che alla fine del suo percorso rivelerà,al mondo, l'immenso coraggio che tende a nascondere, ma che possiede. Che hai sempre posseduto, che la vita ha tirato fuori con le sue prove e che tu hai superato, sempre da sola. Stai sbocciando e lo devi solo a te stessa e a nessun altro".
La particolarità del romanzo è caratterizzata da una scelta strutturale innovativa: la fine di un capitolo rappresenta l’inizio del successivo, ossia l’ultima frase viene ripetuta mantenendo costante il ritmo adrenalinico di emozioni.
Lettura scorrevole e intrigante; linguaggio pulito ed accurato; dialoghi ricchi di punteggiatura, in particolar modo la presenza di punti, nei dialoghi di Beck per accentuare il dolore e le sue pause emotive. emozioni allo stato puro: soffriremo ed assisteremo al miracolo della vita; descrizioni del paesaggio molto dettagliate che risvegliano nel lettore gli organi di senso: questo libro si legge, si respira, si annusa, si osserva, si tocca; è percettibilmente vivo. 

L'immagine può contenere: testo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Novità DeA Planeta e De Agostini

  Novità DeA Planeta  e De Agostini I sognatori di  Karen Thompson WALKER Silenzio, come quando nevica. Una pace gelida, tota...