Lettori fissi

venerdì 18 ottobre 2019

Recensione libro "The first boy" di Cristiano Pedrini

Recensione libro

The first boy di Cristiano Pedrini

Scheda tecnica

Titolo: The first Boy
Autore: Cristiano Pedrini
Genere: Narrativa contemporanea
Formato: Copertina flessibile e Kindle
Pagine: 336
Pubblicazione: 20 Settembre 2019
Christopher Lowen è stato accettato per uno stage negli uffici della Casa Bianca. Mai avrebbe immaginato che, per un suo progetto, potesse ottenere il permesso di entrare nel famoso Studio Ovale. È talmente meravigliato ed euforico che neanche si rende conto della presenza del Presidente degli Stati Uniti d'America, Lawrence Layton. Il Presidente è subito colpito dall'intelligenza e dalla spontaneità di Christopher, tanto da ascoltarne i consigli. Da quel momento il ragazzo inizia ad attirare sempre di più le attenzioni di Lawrence e allo stesso tempo il risentimento del suo staff. Come è riuscito infatti, da appena arrivato, a manipolare il Presidente tanto da renderlo giorno dopo giorno più debole agli occhi del popolo americano? Amareggiato e spaventato, Christopher vorrebbe andarsene. Ma riuscirà ad abbandonare Lawrence, proprio quando ha iniziato a capire di ricambiare i suoi sentimenti? Christopher dovrà imparare ad affrontare le proprie paure, anche se questo dovesse significare di scontrarsi con il mondo intero. Ma se l'amore è in grado di piegare l'uomo più forte del mondo, ben presto Christopher e Lawrence comprenderanno come questa debolezza possa diventare l'arma più potente e miracolosa che possono mostrare al mondo.

"Il paese non è pronto per me…"
Questa frase, a mio avviso, racchiude l'intero romanzo dell'autore Cristiano Pedrini dal titolo “The first Boy”, un romanzo che parla d’amore, di sacrificio; ogni pagina trasuda sentimenti ed è un vero idillio leggerle. Ma soprattutto tratta una tematica “sociale” molto importante: l’omosessualità e l’omofobia; trattata con tatto e delicatezza ma allo stesso tempo una denuncia impetuosa e rabbiosa, anche se silente.
Christopher un ragazzo ventenne realizza il suo grande sogno di lavorare alla Casa Bianca e di entrare nella famosa “stanza ovale” in cui incontra il Presidente degli Stati Uniti Lawrence Leyton, il primo presidente omosessuale della storia. Pian piano tra i due si instaura un rapporto “speciale” e ciò non viene ben visto dai membri dello staff. Ma il presidente finalmente si sente vivo e vuole lottare contro le dicerie e i pregiudizi che aleggiano intorno alla loro storia e che condiscono la trama di attentati, tradimenti e spionaggio.
“Sai cosa vi aspetta se la vostra storia diverrà di dominio pubblico…”
Un romanzo ben scritto con un linguaggio curato e ricercato, senza fronzoli, artefici e sproloqui. Un linguaggio pulito anche nella descrizione degli incontri amorosi tra i due protagonisti che emozionano e non disturbano e molto spesso hanno creato in me grande commozione immedesimandomi nella loro sofferenza e paura di mostrare al mondo il loro amore.
“Quelle carezza lievi che sembravano protrarsi all’infinito, erano una sinfonia inesauribile, capace di placare tutti i timori che avevano accompagnato Christopher. Sentiva i suoi sensi inebriarsi nell’inspirare il profumo di Lawrence. Avrebbe voluto che quel momento non avesse mai fine…”
Molto bella l’immagine della madre che annulla la paura di Christopher nell’esporre il suo orientamento sessuale e ne esalta la sua felicità di fronte a quella del figlio.
“Sei felice quando sei con lui? – Si…io, come posso spiegarti – Sono così felice per te, per quello che stai vivendo e provando…”
Il romanzo vuol abbattere il muro del pregiudizio mentale, sconfiggere l’omofobia e far prevalere l’amore, l’unico motore in grado di muovere il mondo.
Inoltre il romanzo è pregno di cultura americana: ogni capitolo è sottotitolato da una massima di saggezza dei più potenti Presidenti americani: Winston Churchill, Roosevelt, Lincoln e così via; massime di saggezza che accompagnano i protagonisti nel corso della loro storia e dei loro interrogativi.
Cristiano Pedrini, continua a non deludere le mie aspettative e continua a regalarmi delle forti emozioni e riflessioni sulla vita; io penso che da Cristiano abbiamo tutti, tanto da imparare leggendo i suoi libri.


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Novità DeA Planeta e De Agostini

  Novità DeA Planeta  e De Agostini I sognatori di  Karen Thompson WALKER Silenzio, come quando nevica. Una pace gelida, tota...