Lettori fissi

lunedì 9 dicembre 2019

Recensione libro: Senza filtri di Lily Collins

Recensione libro
Senza filtri. di Lily Collins


Scheda tecnica
Titolo: Senza filtri
Autore: Lily Collins
Editore: Fabbri
Genere: Autobiografia
Formato: Kindle e copertina rigida
Pagine: 224
Pubblicazione28 settembre 2017
Ogni ragazza, prima o poi, si trova davanti a delle sfide importanti: accettare il proprio corpo, affrontare relazioni difficili, superare paure che sembrano insormontabili. Ed è successo anche a Lily. Lily sa che cosa vuol dire vivere per metà nella luce e per metà nel buio. Anche lei sa cosa vuol dire lottare per salvarsi. Significa guardarsi allo specchio e amarsi, accettare di essere strane e vulnerabili, ma proprio per questo meravigliose. E spesso, per riuscire a fare quel piccolo grande passo, basta qualcuno che ti prenda la mano e che ti dica che non sei solo.
Era da quando è uscita questa biografia che desideravo leggerla, essendo Lily Collins una delle mie attrici preferite, e devo dire che ne sono rimasta fin da subito conquistata. Lily in questo libro ci racconta quella parte di lei che era rimasta nascosta e si mostra ai suoi lettori in modo molto trasparente, "senza filtri, nessuna vergogna, nessun rimpianto, soltanto me", come dice appunto il titolo stesso, senza timore di essere giudicata. Il libro è una sorta di diario a cuore aperto in cui Lily stessa ci racconta di aver dato in questo scritto finalmente voce e forma a tutto ciò che teneva dentro da diverso tempo e che per varie ragioni non aveva mai ammesso, nemmeno con se stessa. Parla di primi amori, amori sbagliati, della sua lotta contro l'anoressia, dell'alcolismo del padre, di come è vivere vicino a qualcuno con una dipendenza e di quanto è stato per lei difficile troncare quel rapporto diventato ormai tossico; ci racconta del suo sogno di diventare giornalista, dei suoi anni di scuola, delle prime opportunità lavorative e di quello che è orgogliosa di essere riuscita a fare quando aveva un chiaro obiettivo in mente. Uno dei messaggi più importanti che sicuramente l'attrice vuole trasmettere è quello di non aver paura di essere diversi, di essere giudicati per questo delle persone e di non aver paura di mostrare le proprie fragilità ma che sono proprio quelle a renderci migliori, diversi, noi stessi. Se apprezzate Lily Collins vi consiglio caldamente la lettura di questo piccolo diario di quello che è stato il viaggio della sua vita; il libro si divora veramente in pochissimo tempo perché è molto diretto, sembra quasi di star chiacchierando con un'amica ad un certo punto, ed ho trovato davvero molto dolci le parole che Lily spende verso le persone che come lei hanno vissuto o stanno vivendo un momento di fragilità e si sentono per questo delle persone orribili, incomprese e convinte di essere sole. L'autrice attraverso il racconto del suo vissuto, delle cose che l'hanno segnata nel profondo tende la mano verso il lettore, gli è di conforto e gli fa capire che è importante non arrendersi ma anche prendersi il giusto tempo per curare le proprie ferite.
  
Diary of a reader.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Novità DeA Planeta e De Agostini

  Novità DeA Planeta  e De Agostini I sognatori di  Karen Thompson WALKER Silenzio, come quando nevica. Una pace gelida, tota...