Lettori fissi

lunedì 30 aprile 2018

Recensione: Pista nera di Antonio Manzini

 
SCHEDA TECNICA

 
Titolo: Pista nera
Autore: Antonio Manzini
Editore: Sellerio
Pubblicazione: 31 Gennaio 2013
Formato: Kindle, cartaceo
Pagine: 278

 

Valutazione
 
 
Semisepolto in mezzo a una pista sciistica sopra Champoluc, in Val d'Aosta, viene rinvenuto un cadavere. Sul corpo è passato un cingolato in uso per spianare la neve, smembrandolo e rendendolo irriconoscibile. Poche tracce lì intorno per il vicequestore Rocco Schiavone da poco trasferito ad Aosta: briciole di tabacco, lembi di indumenti, resti organici di varia pezzatura e un macabro segno che non si è trattato di un incidente ma di un delitto. La vittima si chiama Leone Miccichè. È un catanese, di famiglia di imprenditori vinicoli, venuto tra le cime e i ghiacciai ad aprire una lussuosa attività turistica, insieme alla moglie Luisa Pec, un'intelligente bellezza del luogo che spicca tra le tante che stuzzicano i facili appetiti del vicequestore. Davanti al quale si aprono tre piste: la vendetta di mafia, i debiti, il delitto passionale. Quello di Schiavone è stato un trasferimento punitivo. È un poliziotto corrotto, ama la bella vita. Però ha talento. Mette un tassello dietro l'altro nell'enigma dell'inchiesta, collocandovi vite e caratteri delle persone come fossero frammenti di un puzzle. Non è un brav'uomo ma non si può non parteggiare per lui, forse per la sua vigorosa antipatia verso i luoghi comuni che ci circondano, forse perché è l'unico baluardo contro il male peggiore, la morte per mano omicida ("in natura la morte non ha colpe"), o forse per qualche altro motivo che chiude in fondo al cuore.

La storia mi è piaciuta molto soprattutto per la modalità in cui sia stata sviluppata l'indagine ed il finale è stato davvero sorprendente. L'unica cosa che non sono riuscita ad apprezzare è il protagonista. Inizialmente mi incuriosiva e mi stava molto piacendo, soprattutto perché molto originale e particolare, ma poi quando si delinea che tipo di persona sia ed inizia a diventare violento proprio non sono riuscita a sopportarlo. E' presente molta volgarità nel romanzo, cosa che solitamente non apprezzo nei libri, ma che capisco sia stata inserita per rendere al meglio il personaggio di Schiavone. Sicuramente il suo è uno di quei protagonisti che non passano inosservati, ha una personalità ben definita: è un uomo burbero, schietto, sfrontato, irriverente, maleducato e violento; per quanto quindi si possa apprezzare o meno è veramente molto centrato e trovo che l'autore abbia fatto un lavoro davvero eccellente.
 Ho apprezzato anche l'ambientazione molto suggestiva e descritta con cura. Non sono una grandissima amante del genere giallo, soprattutto quello italiano, ma come detto prima, la storia è davvero ben riuscita; è coinvolgente ed intrigante e fino alla fine non sono riuscita a capire chi fosse il colpevole. Merita quindi la possibilità di essere letto.
Buona lettura! 
Recensione a cura di Diary of a reader

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

L'esordio letterario di Alexandrea Weis Dal 28 Marzo "Dalla prima all'ultima pagina"

L'esordio letterario di Alexandrea Weis Dal 28 Marzo "Dalla prima all'ultima pagina"  Delrai Edizioni Alexand...