Lettori fissi

domenica 27 ottobre 2019

Recensione libro - "Jassim, mai più solo" di Leda Moore

Recensione libro
Jassim, mai più solo di Leda Moore

L'immagine può contenere: una o più persone, testo e primo piano
Scheda tecnica
Titolo: Jassim, mai più solo
Autore: Leda Moore
Genere: Letteratura erotica
Pagine: 535
Formato: Kindle e copertina flessibile
Pubblicazione: 28 Luglio 2019

Romanzo autoconclusivo Jassim si è sempre sentito fuori posto, solo e arrabbiato con tutti. Suona la chitarra e canta per pochi spiccioli, vagando per le strade periferiche di Roma. Lory è una talent scout e lavora per un’importante casa discografica: la M.A.R.A. Quando sente la voce di Jassim rimane sconvolta, non solo per il suo talento, ma anche per la sua particolare bellezza. Un ragazzo di colore con gli occhi verdi che sprigiona fascino da tutti i pori. Convinta di poter finalmente dimostrare ai suoi due capi le proprie capacità lavorative, convince il giovane a seguirla. Ma l’attrazione fra i due dà inizio a una guerra di famiglia. Infatti, la donna, sposata prima con Matteo Spadafora e poi con Diego D’Amico, i due proprietari della casa discografica, si ritroverà a gestire la gelosia del suo secondo marito, che non riesce a dimenticarla, e l’ostilità della figlia adolescente, Stella, che mal sopporta l’intrusione del cantante nelle loro vite. Una guerra a cui solo un’arma capace di annientare il risentimento può porre fine: il perdono.
La storia del romanzo è come se fosse una matassa da sbrigliare e srotolare; una matassa di personaggi e di storie legate e slegate. E’ anche complicato descrivere l’intera vicenda e si corre il rischio di svalutarne il significato. Il perno centrale è la solitudine che ciascun personaggio cercherà di colmare in modo differente: Jassim vissuto senza padre, con una madre di colore, vive la sua esistenza vittima di bullismo per il colore della sua pelle e riversa il suo malessere tra le corde della sua chitarra; Stella figlia di genitori separati, vive la sua realtà di famiglia allargata, in quanto la madre ha sposato due amici Matteo (padre biologico di Stella) e successivamente Diego (padre adottivo di Stella), che cercano di affrontare i vari problemi legati a tale situazione; Lory, madre di Stella che lascia i suoi mariti per sentirsi libera dalle catene di due uomini opprimenti e maschilisti.
Lory, a caccia di nuovi talenti, per caso, ascolta la voce soave di Jassim e decide di investire su di lui...in tutti i sensi.
“Una voce roca e dolce allo stesso tempo, le giunse alle orecchie facendole chiudere gli occhi un istante…”
Entrambi cercano di lenire e colmare la loro solitudine attraverso il sesso; ma poi Jassim  incontra Stella… la ragazza viziata con due padri…pensate un po’ all’epilogo.
Era perfetta, era un terremoto di sentimenti; con lei, Jassim poteva essere se stesso, sempre e comunque. Lo faceva sentire accettato, non un meticcio, non un bastardo, non uno straniero, ma Jassim e basta”.
Un romanzo che rimarca l’importanza della famiglia nella vita di ciascuno di noi, quell’amore che ci accompagna nel corso della nostra crescita ed esistenza e che rappresenta le radici del nostro albero di vita. Senza famiglia, saremmo allo sbando, senza punti di riferimento a cui aggrapparci; proprio come Jassim...
La mancanza del padre, lo aveva reso rancoroso, spaesato;  se non fosse stato abbandonato da lui, avrebbe avuto il suo posto nel mondo; invece si sentiva un meticcio, né bianco né nero, né italiano né ivoriano, solo figlio di una donna nera che faceva la cameriera per crescere un bastardino”
...un ragazzo fragile che non riesce a gestire le sue emozioni e vibrazioni, canalizzandole verso rapporti sessuali effimeri e di breve durata. Un romanzo che parla di odio e rancore; verità nascoste o parzialmente raccontate.
La verità è l’unica arma che abbiamo per essere felici . meglio sapere, meglio affrontare i problemi, piuttosto che insabbiarli per paura che ci complichino la vita”
Odio che offusca la mente e l’amore, l’unico sentimento in grado di far affrontare la vita.
Una storia intricata ma ben collegata anche se io, avrei chiuso la storia un pochino prima e non l’avrei allungata così tanto. La scrittura è scorrevole e rende la lettura intrigante. Per la presenza di scene di sesso esplicite e un linguaggio forbito, ne consiglio la lettura ad un pubblico adulto. Linguaggio molto descrittivo nella descrizione dei personaggi sia dal punto di vista fisico, cogliendo i minimi particolari, sia dal punto di vista psicologico, descrivendo dettagliatamente la loro psiche fragile.
Lettura consigliata ad un pubblico adulto.



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Novità DeA Planeta e De Agostini

  Novità DeA Planeta  e De Agostini I sognatori di  Karen Thompson WALKER Silenzio, come quando nevica. Una pace gelida, tota...