Lettori fissi

domenica 27 agosto 2017

Recensione - Non so se Odiarti o Amarti

Time for Review

Oggi vi parlo di un'erotica commedia romantica tutta made in Italy... saltate nella tana con me per scoprire il Belpaese di Alice e del suo Cappellaio Matto.




Titolo: Non so se Odiarti o Amarti
Autrici: Lidia Ottelli e Corinne Savarese
Editore: Self-publishing
Genere: Contemporary romance
Pagine: 200
Uscita: 30 luglio 2017
Prezzo: Kindle € 2,99




Sinossi: Il colpo di fulmine esiste veramente? 
Alice, la rigorosa dottoressa con una vita già scritta nel destino, ha ormai perso le speranze e quando, dopo una notte di follia, si sveglia accanto a uno spogliarellista vestito da pompiere, il suo castello di carte crolla in un istante. 
Gabriel è tutto quello che una donna potrebbe mai sognare. Bello, affascinante, carismatico, arrogante e… bugiardo! 
Se a tutto questo aggiungiamo una location da sogno, amici/nemici in comune, un matrimonio e una sfortunata serie di eventi, per Alice non sarà proprio il Paese delle Meraviglie. 
Riuscirà Gabriel a farla cadere nella sua tana, senza che entrambi diano il peggio di loro stessi? 


Bellezza:


Recensione

#sfiga

Non diversamente si può descrivere la vita di Alice, una pediatra trentenne tutta d'un pezzo,all'apparenza frigida e al di sopra di tutto, ma in realtà troppo spaventata, troppo perseguitata dalla sfortuna più nera.
Per quanto sia vero che ha scelto lei il proprio lavoro di certo non ha scelto il suo capo stronzo.
Per quanto sia vero che si sia scelta delle stronzamiche di certo non ha scelto che la sua migliore amica, Annalisa, si sposi lasciandola definitivamente sola.
Per quanto abbia scelto di ubriacarsi all'addio al nubilato di Annalisa di certo non ha scelto di andare a letto con un pompiere stripper, perché di fatti non se lo ricorda.
Per quanto abbia scelto di essere quella con i piedi ben piantati a terra di certo è il momento di spiccare il volo, perché non al fianco di un angelo, pardon diavolo.
Tutti hanno paura a lasciarsi andare, specialmente chi crede di non poterlo mai fare. Ma anche Alice è destinata, a corto di freni inibitori, a trovare il suo piccolo angolo delle meraviglie, perché in fondo dopo tanta chiunque può trovare un briciolo di fortuna se sa coglierla.

«Se mi segui fuori di qui, ti porto nel mio mondo delle meraviglie.  E io sulla giostra con un biglietto che dura tutta la notte, piccola. «Vuoi che io sia il tuo Bianconiglio? O preferisci il Cappellaio Matto?»Si avvicina all'orecchio. «I conigli sono troppo veloci, io preferisco di gran lunga il Cappellaio.» Okey, Alice. «Mi cambio ed entrerò nella tua favola.»

#puttaniere... pardon #playboy

Gabriel è "egoista, egoarca, egocentrico, egolatra, egopatico", un amante del gentil sesso (sarà perché è cresciuto in una famiglia tutta al femminile o perché in realtà si occupa di una rivista di moda?) ma non del più gentile dei sentimenti. In fondo l'amore crea solo problemi, in fondo anche la persona che appare più libera e disinibita ha paura di perdere il controllo sul proprio cuore, altrimenti perché autorizzarsi con le donne solo tre regole e tre concessioni.
L'unico rapporto in cui non fa sconti è l'amicizia, quella per Alessio futuro sposo di Annalisa, per il quale è disposto a diventare stripper per una notte, per il quale è disposto a mentire almeno fino a quando non dovrà fare i conti con gli occhi più belli che abbia mai visto. Allora dovrà svestire i panni da Magic Mike e da playboy per essere il miglior testimone che una damigella possa volere.

"Mi fermo un istante per guardarla. Sembra un quadro bellissimo fatto di luce e magia, di fiori e cuori, di sentimento e di... ma che cazzo sto dicendo? Gabriel! Stai scopando! Da dove ti escono queste cazzate? "

#sincerità
Potrà anche essere sopravvalutata ma in sua mancanza si creano un sacco di incomprensioni e Alessio ne sa qualcosa. Un ragazzo timido ed insicuro, l'acqua santa in confronto al suo migliore amico, ed è proprio per paura che il  matrimonio con Annalisa, ragazza tutto pepe e suo opposto, possa saltare che porta a creare una catena di problemi che spetterà ai due testimoni risolvere con non troppa fatica, dovendo affrontare problemi pre-marimoniali, identità svelate, ricordi confusi e tre acide stronzamiche. In fondo al verità serve ad un bene superiore, come ritiene Alice, a poter creare e mantenere saldi i legami, perché, per quanto possa essere dura da sopportare solo in sua presenza si può affrontare la realtà e all'occorrenza decidere di sfuggirvi nel momento clou.

#Ibiza #Milano #Lugano
Tre città, due storie, una verità.
Ibiza è il luogo da sogno dove tutte le incomprensioni confluiscono, fa da sfondo perfetto a dialoghi mordaci e situazioni hot, tutto al limite del comico con spiccata leggerezza ed un pizzico di pazzia. Non manca il sole, il mare, i balli calienti, le rose, i baci non troppo rubati ed un passato scomodo che viene a galla... in fondo non sarebbe odio/amore se non ci fosse un pizzico di gelosia.


Milano fa sfondo a personaggi con una spiccata personalità pronti a darti spunto nel momento del bisogno, sia che tu gli incontri sul volo peggiore della tua vita, sia in ospedale. In fondo dopo essere stata palcoscenico di tanta sfortuna, questa città saprà ricompensare romanticamente Alice. Che sia davvero questa la città delle meraviglie?

Lugano è poco tratteggiata, ma di certo simboleggia il luogo del cambiamento, quello impercettibile di Gabriel, del lieto fine, quello di Alessio ed Annalisa, e di un nuovo inizio.

#colpo di fulmine
Le vicende avvengono in sole due settimane, facendo salire i protagonisti su un ottovolante di sentimenti dove il destino colpisce e lascia a terra anche i cuori più duri, che posso spezzarsi e, perché no, essere romantici.
                                    
Questo è un libro che ho divorato in poche ore, un libro che mi ha fatto sorridere, anche per il suo linguaggio colorito oltre che per i personaggi ben definiti, anche perché con la sfiga che ha Alice potrebbe essere mia sorella maggiore; un libro che insegna ad accettare ed accettarsi ma allo stesso tempo ad abbattere i propri muri e lasciarsi andare alla scoperta di se stessi, perché non importa quanta merda gli altri proveranno a buttarti addosso, quante volte cadrai, ciò che conta è non aver paura di essere se stessi, di restare soli o di essere rifiutati. Nella vita bisogna avere il coraggio  di andare alla ricerca della tana che apre le porte per il paese delle meraviglie, perché non sempre è il Bianconiglio a venirti a cercare... può anche capitarti di incontrare un Cappellaio Matto.

Due autrici made in Italy con una grande capacità di scrittura e grande affiatamento, in grado a quattro mani di plasmare incredibili storie per ispirare e spronare il lettore a scoprire e non nascondere il proprio io, in fondo accettarsi è il primo passo per essere amati e chi non rischia nulla non fa nulla, non ha nulla e non è nulla.
Lo ammetto però avrei voluto sapere e vedere un po' di più della vita e delle disavventure di questi due carismatici personaggi.



Biografia autrici

Corinne Savarese: Nata e cresciuta a Milano, ha studiato lingue straniere. Appena finiti gli studi ha lavorato come agente di viaggi. Questo le ha permesso di iniziare a scoprire il mondo e apprezzare diversi paesi e culture. Dopo aver conosciuto Pietro, a distanza tramite un corso di aggiornamento on line, la loro amicizia si è trasformata in amore e si è trasferita nelle Marche. In due anni si sono sposati e ora hanno quattro bambini, un chihuahua e un siamese. La passione dei viaggi non è sfumata e appena possono, partono alla scoperta di un posto nuovo da visitare, usando anche la formula di home exchange. Le piace avere sempre casa piena di amici e adora cucinare. Spesso organizza cene succulente da passare in compagnia. Lettrice compulsiva, arriva a divorare fino a sette libri a settimana, in inglese o in italiano. Non guarda televisione se non per le serie che segue, esclusivamente in lingua originale. Appassionata di drama coreani, fa delle vere e proprie maratone, quando possibile. Adora scrivere e lo fa solo di notte, quando il silenzio e il buio le permettono di entrare nel suo mondo di parole di carta e inchiostro. Durante questo unico momento di solitudine e relax prende vita una Corinne che nemmeno i più cari conoscono. Ecco come sono nati "Cara cognata, ti odio!" "Finché suocera non ci separi", “Mr Cupido”, "(Es)Senza di te" e “Una Str…ega sotto l’albero”, questi ultimi due, editi da Rizzoli, e infine “Non so se odiarti o amarti” scritto a quattro mani con la sua amica e collega autrice Lidia Ottelli.

Lidia Ottelli: È nata nel 1976 in provincia di Brescia. Lettrice compulsiva, ama le serie tv e i manga. Ha pubblicato alcuni racconti in antologie di piccole case editrici, è ideatrice del blog, gruppo e della pagina Facebook Il Rumore Dei Libri, scrive con altre blogger su riviste online. Ha pubblicato con Newton Compton “Odio l’amore, ma forse no”, “Fino all’ultimo battito” e “Emma in Love” e infine “Non so se odiarti o amarti” scritto a quattro mani con la sua amica e collega autrice Corinne Savarese.



Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Recensione libro Oggi non è un giorno qualunque di Federica Di Iesu

Recensione libro Oggi non è un giorno qualunque di Federica Di Iesu Scheda tecnica Titolo : Oggi non è un giorno qualunque ...