Lettori fissi

mercoledì 23 maggio 2018

Review party Olivia Ross: Recensione " Il soldato divenne quello per cui era nato"


 
 

SCHEDA TECNICA

 
Titolo: Il soldato divenne quello per cui era nato                    
Autore: Olivia Ross
Editore: Amazon...

Genere: Narrativa Generale
Prezzo ebook: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 13,99
Data pubblicazione: 15/05/2018
Pagine: 400
Serie: autoconclusivo
Un amore non convenzionale, di quelli travolgenti ma che ti inducono anche a osteggiare la realtà dei fatti, che a volte sfianca, sfinisce, però è anche pura bellezza. Un amore che sembra una lotta, ma che spinge a dare il meglio di sé, a pretendere, a non accontentarsi; una relazione che emoziona, coinvolge, attrae. Sogni che si accantonano per combattere il terrorismo, necessità di trovare una pace interiore che aiuti a vivere intensamente ogni giorno senza... più il pericolo che tutto finisca improvvisamente. E poi un dipinto che con la sua storia sovverte il destino di chi lo possiede. Le cose non sono mai semplici come appaiono, non lo sono per niente, ci sono mille insidie, emozioni contrastanti da assorbire, voleri che non possono essere appagati, ma è proprio per la difficoltà di affrontare le insidie che la vita assume quel valore inestimabile che dà un tocco magico alla storia.
La fantasia è un’arma potente, arriva dove la realtà non riesce.

"Ci sono cose che nella vita ti cambiano, ma solo una ti completa: l'amore..."

Leggendo le prime pagine sembra di addentrarsi in una storia semplice, la classica storia d’amore scontata. Ma dopo il primo capitolo, il lettore si renderà conto che così non è. Ci si inoltra in una storia intrinseca di emozioni e di sensazioni contrastanti, si va a fondo dei sentimenti dei protagonisti.
Mitchell Grant ex militare delle forze speciali antiterrorismo, i famosi Navy Seals , uomo brusco, tutto muscoli e misterioso; Mrs Morel Isabeau la proprietaria della tenuta in cui Mitchell si rifugia in cerca di lavoro dopo l’abbandono alle forze armate. La figura di Isabeau è enigmatica e incomprensibile; la classica datrice di lavoro che ignora e snobba i suoi lavoratori. Ma entrambi hanno un passato burrascoso da dimenticare che continua a tormentarli e a ripresentarsi nelle vesti del destino beffardo che li fa innamorare. Ma Isabeau non può amare; non può innamorarsi e non può dare e ricevere amore. Ma Mitchell con il suo amore, cerca di superare qualsiasi ostacolo, qualsiasi barriera. Entrambi hanno l’animo ferito da mille cicatrici; entrambi hanno bisogno di ritrovarsi restando insieme; ciò che li unisce oltre la sofferenza e le cicatrici dell’anima, è la musica. Il suono del violino e del pianoforte li avvolge in un mondo a tutti estraneo, in un mondo in cui l’amore li “svuota” rendendoli leggeri come piume.
"Un sentimento sconosciuto cresceva inesorabilmente dentro di me; ogni minuto passato con lei era prezioso e mi piaceva osservarla mentre suonava, i movimenti delle sue mani sui tasti del piano, il modo in cui il suo sguardo si legava al mio, i mille sorrisi che ci scambiavamo; mi sentivo una spugna pronta ad assorbire quelle emozioni che solo lei riusciva a farmi provare..."
La convinzione e la caparbietà di Mitchell , coinvolgono anche Isabeau che pensa di superare i suoi traumi grazie all’amore. Ma mille segreti oscurano la sua mente e il suo cuore ; creano una barriera di protezione contro il mondo che le impediscono di guardare ad un futuro sereno spingendola sempre più verso il baratro. Ma prima di mollare si prefigge il grande obiettivo della sua vita : aiutare Mitchell a realizzare i suoi sogni e a sconfiggere i suoi fantasmi legati a quel passato che fu la causa dell’arruolamento alla Marina Militare.
Pagina dopo pagina il lettore verrà coinvolto nell’evolversi di questa grande storia d’amore ; questo amore impossibile che lotta e graffia le difficoltà per abbattere quelle barriere. Questo amore che continua a far del male ai protagonisti. Purtroppo l’ amore non può bastare; l’amore non può superare tutte le barriere; l’amore, se vero amore, deve ad un certo punto arrendersi e lasciare libere le persone coinvolte. Perché l’amore non è egoismo ma altruismo.
Lettura scorrevole e finale sorprendente e inaspettato; ho sperato fino all’ultima pagina nel lieto fine come nelle favole; ho sperato in quel THE END E VISSERO TUTTI FELICI E CONTENTI che ci rallegra il cuore. Ma il tempo delle favole è finito da un bel pezzo; ora è il tempo della realtà e della concretezza; il tempo della riflessione. E il romanzo dell’autrice  Olivia Ross è una riflessione alla vita, ai pregiudizi nei confronti delle persone che incontriamo lungo il cammino della nostra vita; una riflessione sui valori della vita e ci porta a farci comprendere che nulla è scontato e bisogna guardare al di là delle apparenze.
"Non avrei mai potuto cambiare gli eventi. Quello che aveva vissuto, non poteva essere dimenticato. Quei segni indelebili nella sua anima, nessuno avrebbe potuto cancellarli. Neanche io. Neanche l'amore che provava per me..."
Lettura consigliatissima a tutte le fasce d’età seppur devo segnalare la presenza di espressioni scurrili, qualche parolaccia qua e là dovuta al contesto ( ma che fanno parte del nostro gergo quotidiano), che a me personalmente non hanno disturbato, ma sento l’esigenza di evidenziarlo a tutti voi lettori per sincerità nei vostri confronti.
Da leggere assolutamente, ma prima preparate i fazzoletti e preparatevi psicologicamente alle forti emozioni per le  tematiche trattate. Chiudo questa mia recensione con la poesia con cui l'autrice ha scelto di chiudere il romanzo e che "racchiude" tutto il romanzo:

Ti manderò un bacio con il vento
 
Ti manderò un bacio con il vento
 e so che lo sentirai,
ti volterai senza vedermi ma io sarò li.
Siamo fatti della stessa materia
di cui sono fatti i sogni
Vorrei essere una nuvola bianca
in un cielo infinito
per seguirti ovunque e amarti ogni istante.
Se sei un sogno non svegliarmi.
Vorrei vivere nel tuo respiro
(Mentre ti guardo muoio per te
Il tuo sogno sarà di sognare me
Ti amo perché ti vedo riflessa
in tutto quello che c’è di bello)
Dimmi dove sei stanotte
ancora nei miei sogni?
Ho sentito una carezza sul viso
arrivare fino al cuore.
Vorrei arrivare fino al cielo
e con i raggi del sole scriverti ti amo.
Vorrei che il vento soffiasse ogni giorno
tra i tuoi capelli,
per poter sentire anche da lontano
il tuo profumo!
(Vorrei fare con te quello
che la primavera fa con i ciliegi)
.
Pablo Neruda
 
 
  


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

NUOVA USCITA QLGBT -CLAY- Di T.A. MCKAY Edito QUIXOTE EDIZIONI

  NUOVA USCITA QLGBT -CLAY- Di T.A. MCKAY Edito QUIXOTE EDIZIONI                                         Informazioni lib...