Lettori fissi

martedì 4 ottobre 2022

Recensione libro...

Grand hotel dei ricordi di Giorgio Montanari

Scheda tecnica
TitoloGrand hotel dei ricordi
Autore: Giorgio Montanari
EditoreEnsemble 
Pubblicazione: 27 aprile 2022
Genere: Narrativa contemporanea
Formato: Copertina flessibile
Un businessman all'apice della carriera sta per diventare titolare dell'azienda di famiglia. Genitori pronti a passare il testimone. Quando il destino sembra controfirmato, un libro dimenticato per decenni sconvolge i piani dell'azienda, e della vita. A pochi giorni dalla conferenza in cui gli azionisti avrebbero appreso il cambio epocale nella guida dell'azienda, l'uomo d'affari intraprende così un viaggio che lo riporta nei luoghi dell'infanzia e lo espone ai rischi e alle sorprese del naufragio interiore.
Ho "conosciuto" Giorgio Montanari come autore di libri di poesie ed essendo un autore poliedrico, mi ha presentato la sua ultima opera: un romanzo di narrativa contemporanea. Ma il suo stile poetico non viene abbandonato; lo si ritrova in molti passi e momenti del romanzo; il suo modo di descrivere le emozioni e sensazioni sono tipicamente poetiche anche se descritte in forma di prosa. Leggendo le pagine, la musicalità del verso risuona e le emozioni rimbombano.
"La lastra di lapislazzuli del cielo si estendeva nel cobalto del mare..."
In questo romanzo, l'autore si addentra nell'analisi e nell'introspezione personale e cerca di studiare il personaggio per carpirne le sue emozioni ormai represse da tempo. Si sa, la vita e i sogni sono due realtà differenti che  non sempre coincidono. E quando la realtà soppianta i sogni, l'individuo si sdoppia. E attraverso il personaggio di cui non si menziona mai il nome, l'autore ci vuole portare là, nel nostro subconscio, nel nostro passato e ritrovare quel "fanciullino pascoliano" nascosto e racchiuso in un piccolo angolo buio. Vi siete mai chiesti che cosa avreste fatto se avreste seguito un'altra strada? Se avreste cercato di realizzare i vostri sogni e desideri adolescenziali? Avete mai dato una risposta alla domanda: "Cosa vuoi fare da grande"? E la risposta corrisponde alla realtà? Tutto questo è il succo del romanzo; un percorso tortuoso che a volte ho fatto fatica a seguire, in quanto la realtà del personaggio si aggroviglia con episodi paranormali, inizialmente confusionari che mi ha messo in seria difficoltà. L'autore ha una grande "manualità" descrittiva e sa gestire bene le parole, la sintassi, le metafore, ma se debbo essere sincera, lo preferisco nella versione poetica anche se all'interno del romanzo, la musicalità non manca. Buona lettura





Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento qui!

Recensione libro: Acaya A.D. 1714: Tragica fine di un sogno di Ferruccio Agrimi

Acaya A.D. 1714: Tragica fine di un sogno  di  Ferruccio Agrimi Dati tecnici Titolo :   Acaya A.D. 1714: Tragica fine di un sogno Editore : ...